Utente 660XXX
Buona giorno gentili dottori,
vi scrivo per esporvi il mio problema. Soffro di eiaculazione precoce. Problema molto diffuso e a quanto ho avuto modo di leggere dalle vs. risposte, al momento non ancora del tutto risolto con un prodotto farmaceutico. Vista comunque la mia giovane età vorrei capire se sia possibile risolvere il problema in qualche modo senza farmaci o se una volta assunti, già alla mia età, ci possono essere controindicazioni.
Vorrei chiederevi se il problema può essere anche di natura fisica, tipo l'eccessiva sensibilità del frenulo, visto che utilizzando preservativi ritardandi, il problema non esiste, mentre si riduce lievemente con preservati normali.
Vi vorrei chiedere se il problema potrebbe dipendere dal fatto che il frenulo non si sia staccato completamente, visto che quando il pene è in erezione rimane intorno al glande un anello che non scivola del tutto giù.
Grado della vostra consulenza, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente la tematica dell'eiaculazione precoce può coinvolgere vari aspetti sia fisici come ad esempio un ipersensibilità o una prostatite etc.. o anche di tipo emozionali.
ovviamente ognuna di queste situazioni ha una terapia adeguata, la cosa migliore in questi casi è sottoporsi a visita urologica andrologica.
cordiali saluti
Dott.giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#2] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
come già espresso dal collega, una valutazione sia della componente biologica (attraverso una consulenza uro-andrologica) che della componente emotiva (attraverso una consulenza sessuologica) sono fondamentalmente il primo passo da compiere.
Nel raccordo ed integrazione delle due componenti (che spesso sono intrinsicamente correlate) troverà, in accordo con i curanti, la soluzione terapeutica migliore.
Cordialmente