Utente 297XXX
Buonasera,
chiedo il vostro aiuto perchè non ce la faccio più.
Da 3 anni la mia vita è diventata un inferno. Ho 29 anni e sono mamma di una bambina di 6 anni. Il mio problema è iniziato quasi 4 anni fa: giramenti di testa improvvisi ogni volta che stavo in piedi, tachicardia, gambe molli, testa confusa, calo della vista e senso di svenimento, la situazione migliorava se stavo seduta o sdraiata. All'inizio il mio medico, pensando fossro attacchi di panico, mi aveva consigliato visita psichiatrica con relativa somministazione di en e inibitori della serotonina ( cura fatta per tre anni: mi hanno riempito di psicofarmaci ma i sintomi non passavano!!... sembravo resistente a tutto). Un anno fa a Gennaio ho fatto una visita cardiologica con ecg ( dato che la pressione iniziava a diventare un po a limite 160/90) e mi hanno trovato i battiti a 115 bpm in sitazione ortostatica mentre circa 85 sdraiata. Il cardiologo dopo altri accertamenti: catecolamine e ecocardiocolordoppler (tutto ok) mi ha prescritto il bisoprololo a 1.25 mg ( dose raddoppiata dopo neanche 1 mese perchè battiti ancora alti). A terapia cambiata sono stata benissimo per alcuni mesi, dopo di che i sintomi sono ritornati più forti di prima impedendomi di avere una vita NORMALE. Ora prendo ancora il bisoprololo e in più 20 gtt di en al giorno, che non mi sono mai state tolte, ma che non mi danno nessun sollievo dato che non mi sento agitata di mio...... Ho fatto un holter recentemente che evidenzia dei picchi di tachicardia a 121 bpm, una pausa per pochi secondi durante la notte e delle extrasistole. Spero qualcuno mi possa aiutare! Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il suo aiuto oltre che psicologico deve esser anche farmacologico con una adeguata dose di beta-bloccante se quella assunta non è ancora in grado di proteggerla. Si consulti con il collega che l'ha in cura per gli eventuali adeguamenti posologici
Saluti