Utente 247XXX
Salve,
sono una ragazza di 28 anni. Lavoro 8 ore al giorno in un ambiente senza luce naturale, illuminato da neon e sto per tutto il giorno davanti al computer. La sera sento gli occhi molto stanchi e mi pare che cominci ad avere qualche problema per quanto riguarda la vista degli oggetti lontani. Inoltre mi pare di percepire che faccio fatica a mettere a fuoco le immagini quando cambio punto di vista.
Volevo fare due domande:

1. Le condizioni in cui lavoro possono comportare danni agli occhi? E se si, in che termini e in che misura? E come posso rimediare o attutire gli effetti negativi conseguenti a questa situazione lavorativa?

2. Tempo fa mi è stato diagnosticato un pò di astigmatismo, che ho trascurato perché l'oculista mi aveva dato delle lenti che, purtroppo, non sono riuscita a portare perché mi davano troppo fastidio e, dopo aver portato gli occhiali per un pò di tempo avevo la sensazione che la vista peggiorasse piuttosto che avere dei miglioramenti. Che sintomi manifesta un astigmatico? E come si può evolvere l'astigmatismo? Ultimamente faccio fatica a guardare negli occhi le persone, è come se non riuscissi a mettere in linea il mio sguardo con il loro. Ed ho notato, soprattutto nelle fotografie (e non davanti allo specchio) che l'occhio sinistro è più grande di quello destro. Sono forse questi difetti conseguenti all'astigmatismo? Quali sono le possibili cure?


[#1] dopo  
Dr. Eugenio D'Aniello
36% attività
4% attualità
12% socialità
CERCOLA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, le condizioni di lavoro in ambiente poco illuminato o male illuminato possono determinare fenomeni di astenopia (stanchezza visiva). E' previsto infatti dalle normative vigenti che gli ambienti di lavoro debbano avere determinate caratteristiche e l'attività al videoterminale debba essere regolamentata. Per quanto riguarda l'astigmatismo, sicuramente questo difetto di vista può determinare i fastidi che Lei riferisce. E' preferibile, nel Suo caso, sottoporsi a controllo della vista in cicloplegia (esame con colliri che dilatano la pupilla) per avere la possibilità di suggerirle l'occhiale più appropriato. Un cordiale saluto.