Utente 298XXX
buonasera,ho un bimbo di 7 mesi adesso,ma quando ne aveva 4 è stato ricoverato in ospedale perchè aveva sangue nelle feci, si è pensato subito ad una gastroenterite, ma hanno fatto il prick by prick , con risultato positivo e mi hanno detto che è allergico al latte, proteine e derivati.
dopo un mese abbiamo rifatto i test ed è risultato negativo.
Alcuni medici dicono che allontanando l'allergene si diventa più allergici,quindi i test devono risultare positivi, altri dicono che allontanando l'allergene i test risultano negativi perchè in questo caso non beve più latte.
qual'è la cosa giusta? mi dicono di fare il test di scatenamento, ma io ho paura per il mio piccolo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
una sindrome gastroenteritica con emissione di sangue nelle feci è descritta come possibile reazione ritardata alle proteine del latte, ma non va intesa come manifestazione esclusiva di tale condizione.
Ogni tipo di "prova allergica" ha i suoi limiti intrinseci e in situazioni di dubbio si rende necessario il ricorso ad altri test.
Lo scatenamento in questi casi è l'unica prova che permette di dimostrare la capacità o l'incapacità di tollerare l'alimento e, con una storia clinica di questo tipo, non espone il bambino a rischi eccessivi.
Saluti,