Utente 298XXX
Buongiorno,
il mio problema è iniziato 2 mesi fa, con tumefazione della guancia SN, mondibola con mobilità ritodotta al 40% in apertura e dolore diffuso nella zona dell'ottavo.

Il mio odontoiatra vista la mia bocca in ottimo stato, senza carie o altro, ha escluso che il tutto fosse legato all'uscita dell'ottavo, ho a quel punto visto diversi specialisti (2 otorini - 2 maxillofacciali) e fatto vari esami (ecografia, 2 tac, RX, opt) senza soluzioni valide.
In fine ieri sera mi sono fatto fatto vedere dal "luminare" della mia città il quale ha detto di togliere l'ottavo che ha le radici nel seno, levare la piccola cisti subito sopra, chiudure il canale oro-sinusale e pulire il seno completamente pieno di muco e pus con sonda endoscopica nasale, tutto in anestesia totale.

Il problema a questo punto è che mi hanno dato come attesa dai 4 ai 6 mesi, se no privatamente alla modica cifra di 18.000€. E' un mese che prendo antibiotici e cortisone, ho fatto 4 cicli completi, mi fanno stare bene, ma dopo due giorni che smetto ricomincia la produzione di muco purulento e fastidio. Cosa dovrei fare? Non posso prendere antibiotici per 6 mesi. Ma soprattutto è il caso che mi rivolgo ad altre strutture o sono normali i tempi di attesa e costi?

Avreste suggerimenti

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
il problema da Lei riferito, per quanto desumibile dalle sue parole, risulta di assoluta risolvibilità in ambito ospedaliero, dove é normale che vi sia una certa lista di attesa, per altro commisurata alla gravità del caso (nel suo, non indifferente).
Oppure privatamente presso un professionista che abbia le adeguate competenze (nel caso un chirurgo maxillo.facciale è adeguatissimo).
Con le limitate informazioni da Lei fornite e nell'impossibilità di una valutazione clinica, per l'intervento correttamente prospettatoLe al consulto é impossibile valutare la necessità di una anestesia totale oppure se lo stesso sia eseguibile ambulatorialmente, eventualmente con sedazione, e sicuramente con onorari sicuramente inferiori.
Le cosigliereri pertanto ulteriori consulti al fine di chiarire tale questione mediante pareri specialistici.
Cordiali saluti