Utente 667XXX
Buongiorno, mi chiamo Carlo ho 39 anni e peso 84 Kg su 173 cm di altezza, alcuni giorni fa mi è stata riscontrata una pressione di 105/160, così ho deciso di fare una visita cardiologica, mi è stato messo L'holter pressorio, che ha rilevato una pressione media del giorno di 87/144, con picchi a 110/170, frequenza cardiaca media 78, preciso che sono un persona particolarmente emotiva, infatti la sera prendo 6 gocce di Laroxyl, dopo l'holter mi è stata fatta un'eco-cuore, dove il medico ha riscontrato un leggero ispessimento, 12 mm, nel ventricolo sinistro, mi è stata prescritta una cura con valpressure 160 mg una pastiglia al giorno, vorrei sapere se la prescrizione è corretta oppure e opportuno approfondire le analisi.Dopo l'inizio della cura, il giorno dopo per la precisione, la pressione è scesa a 80/120 la mattina e 85/135 la sera, è possibile che faccia effetto così velocemente? Inoltre dall'inizio della cura soffro di capogiri e di leggera tachicardia 85-92 battiti minuto, il medico allora mi ha cambiato la cura con 1 pastigia 80 mg valpression la mattina, e 1/4 di lobivon 5 mg, oltretutto vorrei sapere se quest'ultimo può dare problemi di impotenza. Grazie
Carlo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile sig.Carlo,i capogiri e la tachicardia sono semplicemente una risposta compensatoria del suo cuore all'abbassamento brusco della pressione,infatti era "abituato" a lavorare a regimi pressori di molto più elevati e il cambiamento ha determinato questa risposta cardiaca che andrà stabilizzandosi nel giro di un tempo ragionevolmente breve;anche l'ispessimento di cui parlava del ventricolo sinistro è dovuto alla pressione alta a cui il cuore era abituato,è come se a causa dell'alta pressione nelle arterie la spinta che doveva avere per mandarvi il sangue dentro era molto forte e la sua parete si è rinforzata(essendo un muscolo),questo è un meccanismo fisiologico che però se si protrae può portare con tanto tempo a scompenso cardiaco,per questo è essenziale tenere la pressione controllata;per la cura onestamente non disuto le scelte del suo cardiologo,anche se mi sarei orientato su farmaci di nuova generazione come i sartanici che sono molto efficaci e non provocano tanti effetti collaterali di quelli più tradizionali e per l'ispessimento del ventricolo avrei scelto un ace-inibitore come l'enapren che agisce sul rimodellamento della parete cardiaca.I beta bloccanti effettivamente possono dare un lieve calo della libido,ma l'effetto è molto variabile da individuo a individuo per cui valuti,si fa sempre tempo a cambiare.Tenga presente infine che per trovare il giusto equilibrio pressorio e i farmaci migliori per lei ci vuole sempre un certo tempo perchè è una cura aggiustata sull'individuo e non è come prendere l'aspirina per l'influenza!
A presto
[#2] dopo  
Utente 667XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto grazie Dottore per la risposta, in questo momento sto continuando la terapia con valpression 160mg un pastiglia la mattina(la terapia è iniziata il 30 aprile), non ho più capogiri e la pressione si è attestata su 75/115 con frequenza cardiaca 74 battiti al minuto la mattina appena sveglio, e 80/125 la sera prima di cena con frequenza cardiaca 84 battiti al minuto, il mio medico ha detto di continuare in questo modo, l'unica cosa che ho notato è che quando sono più stanco oppure ho appena pranzato i battiti salgono oltre i 90 a volte arrivano anche a 100 battiti al minuto.
Vorrei sapere se la mia condizione si sta normalizzando.

Grazie
Carlo Signanini