Utente 749XXX
Buongiorno ho letto le proprieta' di questa alga che puo' creare un effetto "spazzino" nel colon e migliorare notevolmente una stipsi cronica. Ci possono essere effetti dannosi per un colon gia' problematico (diverticolite gia' operata) e con una peristalsi lenta e difficile.?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mai come nel caso di alterazioni della funzionalità intestinale e di stipsi possiamo dire in anticipo se un paziente beneficerà dall'integrazine di fibre o meno; ciscuno reagisce individualmente e quindi le suggerisco di provare con una dose ridotta e vedere se nei giorni ottiene un miglioramento.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta.
Si leggono anche pareri "allarmanti" in merito a questa alga. Esiste uno "storico" su eventuali danni collaterali o controindicazioni, a Sua conoscenza?

"....l' alga menzionata, la carragenina, e' nota avere effetti cancerogeni/teratogeni sui topi di laboratorio. Non e' apparentemente in grado di PROVOCARE un tumore, ma appare evidente la sua proprieta' di stimolare a dismisura la riproduzione di un cancro gia' in formazione.
Molti paesi EU la vietano, purtroppo in Italia e' consentita ( si trova nella polvere per budino).
Consiglio una ricerca piu' approfondita e cmq molta cautela."....
(non posso citare la fonte)

Grazie


[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Approfondisco e le faccio sapere...anche se le fonti devono sempre essere attendibili!
[#4] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
In realtà in merito all'alga menzionata l'utilizzo in clinica mi sembra estremamente ridotto, non sono riuscito a trovare applicazioni, articoli e tantomeno lavori che suggeriscano l'uso terapeutico della stessa.

Per quanto riguarda la qualità biologica della carragenina come nutriente...non è un nutriente ma un additivo alimentare addensante e temo rientri nella lunga lista di sostanze consentite ma non consigliate.
L'ipotesi che l'assunzione di queste sostanze chimiche, se protratta nel tempo, possa scaturire forme cancerose non può essere ne confermata ne smentita...rilevare in un campione di persone malate quanto questo dipenda dall'aver assunto nel tempo additivi chimici dell'industria alimentare è praticamente impossibile!
Nel dubbio suggerisco sempre, quando possibile, di limitarne l'uso all'indispensabile;
concludo suggerendole di non seguire mai indicazioni terapeutiche prese dal web ma di far riferimento ad un consulente reale.

Cordialmente.
[#5] dopo  
Utente 749XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta e i consigli.
Alternative ultime che potrebbero dare un 'aiutino'? Evitando l'idrocoloterapia che, nel mio caso, potrebbe essere anche pericolosa.?

Grazie infinite.