Utente 293XXX
Salve, questa estate mi è stata diagnosticata l'IPP. Dopo aver fatto l'ecocolordoppler il mio specialista mi ha tranquillizzato dicendomi che la situazione si presentava molto meno grave rispetto a quanto si pensava. Sono stato sottoposto ad una terapia con Verapamil, dopo di che ho rifatto l'ecocolordoppler. La malattia si è arrestata, la fibrosi ha subito una marginale regressione, e a detta del medico anche il flusso del sangue era più che buono. Vorrei sapere, le probabilità che la mattia si ripresenti sono alte?? cosa si intende per aver... bloccato la malattia..?? dal momento che sono giovane, ci sono possibilità che col passare degli anni la fibrosi regredisca da se?? la terapia orale è bene seguirla per un paio di anni giusto?? ho letto in giro per internet che il ginseng favorisca l'erezione, con effetti migliori del cialis...è attendibile?? grazie in anticipo a chi deciderà di rispondermi....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la comparsa di una IPP,malattia potenzialmente degenerativa, a venti anni ,rappresenta un evento abbastanza raro che deve indurre lo specialista a porre una diagnosi differenziale con altri quadri clinici legati,ad esempio,ad eventi traumatici intra coitali.
La possibilità di una recidiva è legata alla accuratezza della diagnosi e,per quanto attiene la durata e la tipologia della terapia,solo l'esperienza dello specialista potrà cogliere nel segno.Conviene,a questo punto,seguire i consigli dello specialista di riferimento,o di un altro,limitando le curiosità legate alla notizie trovate inrete...Cordialità.