Utente 220XXX
Salve mi chiamo Roberto è ho 18 anni , è da un paio di mesi che ho un problema che non vuole andare via. La pelle del glande è molto secca e irritata , ogni tanto quando urino mi capita di avere un forte bruciore al glande che va via dopo aver lavato la zona con acqua fredda. Ho fatto una visita dal medico di famiglia che mi ha detto di lavare con detersivo neutro e usare un disinfettante.. solo che non so che disinfettante dovrei usare, ho letto che la amukine med o una cosa simile è adatta alla parte esterna dei genitali ma non ho capito se vale anche per la pelle del glande. il pene in se nn ha altri sintomi a parte la secchezza che si presenta con dolore nella masturbazione senza lubrificante e solchi o crepe nella pelle del glande. quindi quello che vi chiedo è che disinfettante dovrei usare per il glande (amuchina , acqua oss. ec..) ? Da cosa possono essere questi piccoli solchi simili a dei taglietti nel glande? Anche se farò un'altra visita e in se un'altra terapia il glande tornerà di nuovo liscio ? Potrebbe peggiorare l'uso della vasellina mentre mi masturbo? Se si posso usare dei lub a base acquosa come quelli della durex? Quasi dimenticavo visto che se con il disinfettante la situazione non migliorerà vorrei rivolgermi ad un dermatologo veneorologo , ma non so come dovrei fissare una visita? devo chiamare allo studio e prenotare una visita o devo parlarne col medico di famiglia e mediante lui farmi fissare una visita?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

è forse venuto il momento di consultarsi con uno specialista che valuti la situazione locale e quindi le proponga la migliore terapia, lo specialista può essere l'andrologo oppure anche il dermatologo. Le consiglio comunque di non utilizzare detersivi e/o disinfettanti che potrebbero peggiorare lo stato infiammatorio.

Un cordiale saluto