Utente 299XXX
Buona sera a luglio 2012 ho avuto Infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto ST in sede inferiore trattato con angioplastica primaria e duplice BMS a carico della coronaria desta prossimale e pre-crux
Cura Lansoprazolo 60 mg/die---- Cardioaspirina 100 mg/die
Plavix 75mg/di --- Triatec 2,5/die -- Atorvastatina 40/die
A ottobre ho effettuato un ECG da sforzo massimale in cicloergonomo
Carico max :150watt 30 watt x 2'
Fc max 154 bpm
PA max 195/90 mmHg
FC * PAS 30030
Test negativo per ischemia miocardica da lavoro.
Arresto graduale
Recupero da 154 a 129 bpm dopo 1 minuto
Ho effettuato un esame ecocardiografico mono-bidimens
E color-doppler con le seguenti conclusioni:
Ventricolo sx di dimensioni int e spess parietali nella norma x età,
Costituzione corporea e grado Di allenamento, con funzione
Sistolica globale conservata (lieve ipocinesia della parete infero-posteriore) e lieve alterazione della funzione diastolica (alterato rilasciamento)
Quadro nel complesso compatibile con storia di pregressa necrosi inferiore.
Bulbo aortico ed arco aortico di dimens. lievemente superiori alla norma.
Restanti cavità nella norma . Apparati valvolari normali
Per morfologia e funzione.
La domanda è :
Esiste qualche possibilità' di tornare a fare tornei?
Di per sé non mi interessa avere il Cert. Di idoneità,
(perché potrei comunque fare tornei all'estero, come spesso facevo)
Ma avere la certezza, di non fare delle stupidaggini.
Attualmente gioco 3/4 ore alla settimana
Con la FC che qualche volta arriva a 160/165 bpm
Inoltre faccio un po' di palestra con bici e tapis roulant
2*0,75 min alla settimana. Grazie per la cortese risposta . Riccardo C

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Da quello che scrive, credo che potrà riprendere l'attività anche agonistica. Comunque, perché non fare una buona valutazione da uno specialista in medicina dello sport?