Utente 299XXX
Salve,sono un ragazzo di 27 anni allergico a parietaria judaica (4+) e artemisia absentium (++).Come ogni anno a fine febbraio inizio la terapia a base di antistaminico (formistin),spray nasale cortisonico e fluspiral mattina e sera.Quest'anno il formistin non ha dato i risultati sperati(meno effetti terapeutici e maggiore sonnolenza) e il mio medico di base ha deciso di cambiarlo con rupafin che a suo dire da meno sonnolenza.Giovedì sera ho assunto la prima dose e lo stesso venerdi sera.Venerdì inoltre sono stato in un bar con amici e ho bevuto un analcolico (poi ho saputo che conteneva zenzero,ma non ho mai avuto problemi con qeusto alimento).Tornato a casa verso le 2 mi sono fatto una doccia e sono andato a letto.Dopo un paio di ore (molto probabilemnte anche a causa del caldo eccessivo)mi sono svegliato in un mare di sudore e li per li mi sono solo cambiato e sono ritornato a letto.La mattina successiva (sabato) mi sono svegliato con un forte prurito che interessava tutto il corpo (nessuna zona esclusa) senza manifestazioni cutanee (tipiche dell'orticaria).Allora ho deciso di ritornare di nuovo al formistin ma il prurito è scomparso lentamente dopo3-4 giorni.A questo punto le vorrei chiedere:
1)il prurito potrebbe essere un effetto collaterale del farmaco?Che io sappia le reazioni Ige si manifestano alla seconda somministrazione...anche se ho usato in passato molti asntisaminici (cetirizina,levocetirizina,ebastina ect) e non ho avuto mai problemi;inoltre il prurito non viene riportato come effetto collaterale del farmaco.
2)il prurito potrebbe essere uno sfogo cutaneo al calore eccessivo...in passato mi è capitata una cosa del genere dopo aver sudato di notte ma solo in alcune zone e il problema si è limitato ad 1 giorno(possibile sudamina).
3)il prurito potrebbe essere una manifestazione iniziale di una allergia alimentare (a tratti ricordo gli alimenti che ho assunto la sera prima)...Polipo,drink a base di zenzero e qualche stuzzichino (i classici da bar ma non frutta secca).

Dalle prove con prick test (2 anni fa) risutò una lieve allergia alle arachidi ma l'allergologo mi disse che secondo lui era un falso negativo (infatti mangio frutta secca senza nessun tipo di problema).
Vorrei ripetere le analisi magari rast test tramite prelievo per una maggiore sicurezza ma a questo punto non so se si può dato che sto sotto antistaminico.

Spero di non essermi dilungato molto e la ringrazio in anticipo.

Distinti saluti

Giuseppe

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
perdoni Lei la mia brevità :-)
Dal solo racconto anamnestico non è possibile fare ipotesi (anche se si può ragionevomente escludere un ruolo del Rupafin); appare senz'altro indicata una rivalutazione specialistica allergologica "reale".
Saluti,