Utente 725XXX
Buongiorno,

gentilmente desidererei ricevere un parere relativamente alla situazione di mio padre (età 65 anni) cui è stato recentemente riscontrato un aneurisma all'aorta addominale di 6 cm.
E' stato consigliato un intervento in endoprotesi dato che sia per problemi respiratori sia (soprattutto) per problemi legati al ridottissimo numero di piastrine nel sangue è stato fortemente sconsigliato un intervento in anestesia totale.
Mio padre, tuttavia, preferirebbe attendere anche per un intervento di endoprotesi comunque per il timore di emoraggie legate alla piastrinopenia.
Da ultimo, gli è stato anche riscontrato un nodulo al fegato cui mio padre intenderebbe dare, quanto a controllo ed esami nel tempo, priorità nei confronti del problema dell'aneurisma.

Ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro De Troia
24% attività
4% attualità
8% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2003
Vste le dimensioni dell'aneurisma riterrei che sia protritario il trattamento dell'aneurisma. Per quanto riguarda il tipo di approccio se chiurgia aperta o cendovascolare (endoprotesi) . Ciò dipende dal tipo e morfologia dell'aneurimsa oltre che dalla poiastrimnopenia e dalle condizioni respiratorie.
Quindi si affidi ad un centro di chirurgia vascoalre che possa eseguire l'intervento sia tradizionale che endovascolare
cordialità