Utente 870XXX
buongiorno, scrivo per mia figlia di 20 anni.
da bambina causa eczema ha fatto i pact test ed è risultata allergica a nichel, neomicina e paracetamolo. tranne la neomicina per cui non si è mai presentato il caso, le altre due sono state realmente verificate. per quanto riguarda in nichel dopo un po' che mette la bigiotteria le viene fuori un po' di eczema ed è il segnale che ha esagerato, appena toglie la bigiotteria tutto si risolve.
veniamo a oggi: lei ha appena cominciato a lavorare in un ristorante in Francia (ha già lavorato in altri e in pasticceria) dopo la prima settimana è iniziato a compartire l'eczema e pensava alle cose di metallo toccate, alla fine della seconda settimana l'eczema e peggiorato da dietro l'orecchio si è diffuso a collo, sterno, pancia, braccia e gambe e venerdì scorso ha iniziato ad avere vomito e da domenica febbre max 38.2°. ieri mercoledi è riusciata ad andare dal medico che ha detto che è allergia alla neomicina che si trova nel detersivo che usano al ristorante, e che fino a che non sparisce l'eczema non può tornare a lavorare, poi logicamnete dovrà usare i guanti.
ora la febbre è quasi parita 37.2° ma continua ad avere i conati di vomito e le prude tutto.
il medico le ha detto di farsi dare in farmacia una qualunque pomata per l'allergia e basta.
la neomicina si trova davvero nei detersivi?
è possibile che l'allergia provochi vomito e febbriciattola?
cosa posso dirle di prendere in farmacia?
attendo con ansia una risposta.
silvia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
non mi risulta che i detersivi, almeno in Italia contengano neomicina, ma se anche così fosse, potrebbe essere giustificato l'eczema, ma non il rialzo termico e il vomito. Così sembrerebbe di trovarci di fronte ad una malattia infettiva febbrile, che può anche accompagnarsi a manifestazioni cutanee, pensi alle malattie infettive dei bambini (febbre + rush cutaneo). la cosa più semplice è trattare i sintomi: se febbre oltre 38, usare il paracetamolo, per il prurito usare un antistaminico, per il resto del corpo consiglio di usare un detergente poco aggressivo e una emulsione emolliente idratante. Se le manifestazioni cutanee sono molto estese non è corretto usare le creme cortisoniche, ma sarebbe più opportuno usare un cortisone per bocca.
[#2] dopo  
Utente 870XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno, grazie per la risposta, ma mi sorge un dubbio non è che per via della lingua mia figia ha capito che nel detersivo c'era la neomicinia invece del nichel?
Sono dell'idea che comunque si tratti di una qualche forma di allergia perchè l'evoluzionione è stata eczema poi vomito poi febbre, ora è rimasto solo l'eczema che sta curando così come mi avete consigliato.
Ipotizzando l'allergia a qualcosa al lavoro, quanti di cotone per lavorare e lattice per lavare sono sufficenti? Grazie.
Silvia.
[#3] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non so su quali basi possa essere convinta che si tratti di allergia, se per allergia intendiamo la stessa cosa, cioè una reazione inappropriata del sistema immunitario, Se comunque si parla di una allergia per contatto , il provvedimento ideale è proprio quello di evitare il contatto, anche usando dei mezzi idonei di protezione.