Utente 287XXX
Sono diversi mesi che ho la costante paura di diventare glabro. Mi spiego meglio:
Ho 23 anni e ho notato un certo diradamento dei capelli. La cosa mi ha spaventato tantissimo, soprattutto in considerazione del fatto che nella mia vita mai avrei immaginato potessero cadermi i capelli (considerando che nessun maschio della mia famiglia li ha persi).
Sto seguendo una cura dermatologica per la caduta (minoxidil, integratori, ecc), ma il dovermi curare tutti i giorni i capelli non fa che farmici pensare di più e questo mi aumenta sempre di più l'ansia.
A questo si aggiunge che io non ho la barba, cioè a parte un po' sul mento e un po' di baffi, non ho sviluppato altri peli. Ho pochissimi peli sul corpo e ancora oggi ho l'acne, che mi riempito il viso di cicatrici, brufoli e buchi.
L perdita dei capelli mi sta però davvero spaventatando, perché senza capelli io sarei totalmente glabro, non avendo neanche la barba. Il mio viso diventerebbe anonimo e brutto e non riesco ad accettare questa cosa.
Sono messi che sono costantemente depresso, nervoso e ho perso tutta la mia vitalità. Non riesco più a studiare, non riesco a fare più niente.
Non so cosa fare, ho pensato ad uno psicologo, ma non ho molti soldi
[#1] dopo  
Dr. Magda Muscarà Fregonese
36% attività
20% attualità
20% socialità
VENEZIA (VE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile Utente, come le era già stato consigliato forse è meglio postare il quesito in Dermatologia.
Trovo che è molto ansioso, l'ansia non migliora il quadro certamente, provi a pensare che è possibile nelle strutture pubbliche trovare uno psicoterapeuta che l'aiuti ad avere comunque una buona autostima.
Riuscirà a salvare i suoi capelli , quanto più starà sereno .
Tanto per dire , si vedono molti uomini interessanti in giro, abbronzati , rasati , in gamba, come ultima ratio si può pensare a questo.
Ma non sarà necessario, cerchi di avere più fiducia nella sua intelligenza su uno sguardo acuto sul mondo,sulla capacità di comunicare, spostando lo sguardo" da sè all'altro da noi " come dice il libro..
Auguri, davvero..
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile ragazzo non le serve uno psicologo ma un dermatologo!

Lei devi fare una diagnosi precisa del suo quadro clinico che può essere compatibile con un inizio di calvizie maschile: in tal caso si ottiene la diagnosi mediante visita clinica e tricoscopia digitale (veda come esempio www.tricoscopia.it )
in caso di positività si può procedere con terapie farmacologiche topiche e sistemiche assolutamente efficaci (veda per esempio http://www.medicitalia.it/luigilaino/news/3215/Cura-della-calvizie-risultati-senza-bisturi )

Carissimi saluti
[#3] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Dott. Laino, sto seguendo una cura prescrittami da un dermatologo specializzato in tricologia.
Minoxidil + antiandrogeni (restax).
Il fatto è sapere che questa cura affinchè sia duratura deve essere seguita per tutta la vita è molto desolante.
Per farle un esempio: Sto usando il minoxidil da 35 giorni e ho notato un maggiore diradamento da quanto utilizzo questa lozione.
Ho chiesto al dermatologo se la causa fosse la caduta indotta, ma il dermatologo mi ha risposto che è troppo presto e che la caduta indotta si verificherà più avanti.
Questo mi spaventa parecchio, se la lozione mi peggiora le cose anziché migliorarle?
Gentile dottore, vorrei chiederle, ma secondo lei è davvero possibile fermare definitivamente questa malattia o non è ancora possibile?