Utente 299XXX
Buongiorno, scrivo poichè in data 23.03.2013 sono stato sottoposto ad intervento mano dx per rimozione cisti al polso, al di sotto del pollice, apertura pulegia e 1° dito a scatto. Da quando ho effetuato l'intervento ho perso la sensibilità sul dorso del pollice, avverto forti scatti tendinei (prima dell'intervento non li avevo) all'interno del polso in corrispondenza del punto dove è stata praticata l'incisione. Avverto anch parziale limitazione dell'escursione del polso (prima dell'intervento non avevo questo problema).
C'è da aggiungere che dopo 5 giorni dall'intervento ho lamentato questi problemi al chirurgo che mi ha operato, il quale mi ha immobilizzato il polso con un tutore in Dynacast. questo tutore è stato confezionato, secondo il chirurgo, poichè la struttura anatomica del mio polso è fuori dal normale, pare abbia trovato più setti tendinei del normale; per cui c'era la necessità, a seguito dell'intervento, di far ricreare una casa ai tendini per evitare questo scatto tendineo. Ancora oggi, però, a quasi 1 mese dall'intervento, avverto forti dolori al polso e continui scatti tendinei soprattutto quando pratico un po' di forza per sollevare mia figlia (pesa Kg.8). Nel pomeriggio dovrebbero rimuovere il dynacast (in corrispondenza della cicatrice al polso si apprezza ancora gonfiore oltre a particolare sensibilità che si irradia fino al pollice. Quest'ultimo continua a farmi male se pratico forza per sollevare oggetti di un certo peso (ad esempio un pc notebook). Desidererei sapere se queste problematiche post operatorie, posto che altri che hanno fatto lo stesso intervento non presentato le stesse lamentele, sono da ritenersi nella norma, oppure se sono da ricondursi a intervento non andato a buon fine. Vorrei sapere, inoltre, se e cosa si può fare per recuperare la funzionalità della mano. Ho il terrore di non poter tornare alla normalità. Sono un impiegato, lavoro quotidianamente con il pc. Questi scatti tendinei, associati a dolore, mi spaventano molto. Grazie del tempo che vogliate dedicarmi. Un cordiale saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

certamente questi disturbi non sono normali dopo un intervento, ma direi che e' troppo presto per poter giungere a conclusioni definitive.

Posso solo dirle che deve aspettare almeno un altro mese, sempre mantenendo i contatti con il suo chirurgo, che conosce esattamente la situazione e soprattutto sa cosa ha fatto.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno dr. Leccese, la ringrazio della risposta. Seguirò il suo consiglio.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
OK.
[#4] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno dottor Leccese, Le scrivo dopo aver effettuato la visita di controllo dal chirurgo. Effettuata la rimozione del Dynacast, si riscontra ancora gonfiore e tumefazione nell'area dell'incisione. In più, a differenza di prima dell'intervento, avverto un freno/resistenza all'interno del polso, oltre a dolore, che prima dell'intervento non avvertivo.Tale dolore era presente all'inizio, quando mi è stato diagnosticato il Morbo di De Quervain, e si è ridotto facendo terapia con cerotti Lenotac: la costante applicazione dei medesimi aveva ridotto sensibilmente il dolore anche facendo la manovra di Filkenstein. Adesso, dopo l'intervento, mi ritrovo in una condizione peggiorativa, in più avverto un senso di intorpidimento su tutto il dorso del pollice lato sx. Il chirurgo mi ha rimandato a visita di controllo tra un mese per decidere sul da farsi (ulteriore intervento). Non so più cosa pensare.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Da quanto dice, sembrerebbe ci sia un coinvolgimento dei rami nervosi sensitivi del radiale, che attraversano proprio la zona dell'intervento.