Utente 813XXX
Buongiorno. Sono una ragazza romena fi 27 anni. Da circa 1 mese ho cambiato totalmente îl mii stile di vita. Ho deciso di seguire il mio fidanzato in Afganistan. E da qui che hanno iniziato i miei problemi. Prima ancora di arrivare ho avuto dei problemi con un'infezione urinaria ed ho assunto molti antibiotici . Poi un bel giorno mentre eravamo in Dubai , prima di partire per Afganistan mi sono recata all'ospedale perché sentivo una grande tensione e una pressione molto alta. Li mi hanno consultato ma tutto sembrava apposto. Fatto sta che da 15 giorni che siamo qua in Afganistan non mi sento più io. Il cuore mi fa male tutti i giorni, la testa la sento molto pesante. Ma dagli analisi sembra tutto apposto. Il polso lo sento molto alto, alle volte supera i 100 battiti. In conclusione qualsiasi piccolo sforzo diventa un'impresa . Non sono più io. Fatto sta che lo stress subito venendo in questo paese è stato enorme. Alle volte per calmarmi il cuore devo assumere una mezza pasticca di Atenolol LPH 50mg, un farmaco che ho portato con me per caso dalla Romania. Prima di questa esperienza non ho mai assunto farmaci per il cuore. Ma sento che non ci riesco più ad andare avanti così. Ho avuto anche qualche attaco di panico molto intensi. Mi dia per favore un consiglio e qualche farmaco da assumere perché non voglio prendere farmaci a caso. Oppure se devo assumere qualche vitamina. I medici che mi hanno consultato mi hanno detto che il cuore mi funziona normalmente e che la pressione è normale. Siccome ho vissuto per anni in Italia preferisco avere il parere di un medico italiano. È se sarà il caso dovrei lasciare il paese dove mi trovo. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente
mi sembra che tutto sia ricollegabile alla forte situazione di stress che stà vivendo (ed è anche comprensibile). Come superare però il problema credo che può saperlo solo lei..... e anche la decisione se lasciare o meno il paese nel quale si trova è solo sua. Mi spiace non poterle essere di aiuto.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 813XXX

Iscritto dal 2008
Grazie, infatti mi sono accorta che avevo dei veri e propri attacchi di panico.