tia  pfo  
 
Utente 298XXX
Salve,
sono un ragazzo di 23 anni e sono stato operato per la chiusura del PFO.
Vi scrivo in quanto, essendo passati 7 mesi dall'operazione(27 settembre), a Marzo ho ricominciato ad andare in palestra sollevando carichi abbastanza pesanti, avendo avuto l'approvazione dai Dottori che mi hanno assistito in questo periodo di convaescenza. Oggi però ho fatto un allenamento di boxe e mentre mi allenavo ho allungato il braccio in maniera abbastanza violenta e ho avuto la sensazione come se qualcosa si fosse "staccato" a livello del cuore. Le domande che vorrei porVI, dopo 7 mesi, posso riprendere a fare attività sportiva tranquillamente? Questa sensazione di cui sopra accennato è da tenere in considerazione? Il rischio di ictus/tia sono ridotti? Non vorrei che il TIA che ho avuto prima dell'operazione fosse causa di qualche altro problema e non del PFO. Vi ringrazio anticipatamente


Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se i colleghi che l'hanno operata (presumo sia stato posizionato un "ombrellino" per via percutanea) le hanno detto che può riprendere l'attività non vedo perchè non credergli. Se il suo TIA è stato effettivamente tale la chiusura corretta del forame ovale pervio dovrebbe annullare il rischio di nuovi eventi ischemici (almeno secondari a questo meccanismo).
Saluti cordiali