Utente 806XXX
Gentilissimi,
non so se ho postato nella sezione giusta.

Da circa un mese subito dopo aver pranzato (più raramente dopo cena) mi succede quanto segue:
- modesta tachicardia (110 bpm) ed extrasistolia frequente
- dolore (misto tra bruciore e dolore come punture) al petto e alle braccia
- senso di gonfiore allo stomaco e nausea
- frequente eruttazione
- malessere generale
Dopo un pò (circa 2 ore) i fastidi si attenuano decisamente. E' abbastanza indipendente da ciò che mangio, noto forse più correlazione con la quantità di cibo ingerita. Purtroppo ho la brutta abitudine di mangiare molto velocemente.

Per vostra informazione ho un'ernia iatale con esofagite da reflusso (grado B Los Angeles) in cura continuativa da 2 anni con lansoprazolo 15mg/die.
Ho eseguito ultimo Check up cardiologico novembre 2012 con esito negativo (il check up precendente fu effettuato novembre 2009, ed essendo il primo fatto fu molto più completo...negativo per patologie cardiache anche quello)

Le mie domande sono:
- cosa può essere?
- qual'è il comportamento migliore da assumere per trarre beneficio?

Grazie per l'attenzione che vorrete dedicarmi.

Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Credo che lei già sappia come dover procedere. Si tratta semplicemente di extrasistoli facilitate dai pasti abbondanti e dalle modalità scorrette di alimentazione (ingestione veloce dei cibi con scarsa masticazione) che in presenza di problemi gastroenterici di base (esofagite da reflusso) peggiorano l'intero corredo di sintomi che descrive.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
Immagino si riferisca ad un'igiene alimentare adeguata:
- evitare pasti abbondanti
- mangiare (più) lentamente
- ridurre al minimo consumo di caffè e alcolici

Non è facile, ma ci proverò.

Mi chiedevo se devo fare qualche accertamento diagnostico/clinico in merito (oltre quelli già fatti) per descrivere e/o giustificare questa situazione.

Grazie per la disponibilità
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non ritengo siano necessarie ulteriori indagini.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille.
Cordialità.