Utente 297XXX
Egr.Dr,
a mia suocera di anni 82, portatrice di P.M. da circa da circa 2 anni,è stata posta diagnosi ( circa due anni fa) di Sindrome ulnare (di Guyon), su base traumatica (da incongrua inserzione di cateterino per flebo) Tale diagnosi è stata posta clinicamente ma confermata dall' Elettromiografia. In atto la sintomatologia consiste in brachialgia, intense parestesie del terzo,quarto e quinto dito ed ipotrofia dei muscoli della mano.
Recenti sedute di fisioterapia non hanno prodotto alcun risultato.
Gradirei sapere se un eventuale intervento chirurgico potrebbe risolvere dopo due anni il predetto quadro clinico con restituzio della funzionalità della mano, Gradirei altresi sapere in che cosa consiste tecnicamente l'intervento essendo venuta a conoscenza che può essere anche fatto per via endoscopica. Nella mia città, a chi ci si può rivolgere? Ringraziandola per l'attenzione colgo l'occasione per inviare distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

va effettuata una neurolisi del nervo ulnare, con eliminazione del tessuto fibrotico peri-nervoso.

Per proteggere il nervo cisì liberato dalla cicatrice preesistente e da quella che si formerà in seguito all'intervento, potrebbe anche essere il caso di avvolgere l'ulnare con un tubulo (venoso o sintetico: tubulizzazione).

Credo sia preferibile operare a cielo aperto.

A Palermo c'è sicuramente chi è in grado di effettuare questo intervento: non posso però farle un nome in particolare.
[#2] dopo  
Utente 297XXX

Iscritto dal 2013
Ch.mo Dr. Leccese,
La ringrazio per la Sua tempestiva risposta e colgo l'occasione per chiederLe ancora un paio di cose:
1) visto che dal referto dell'elettromiografia si evince che l'intrappolamento del nervo ulnare è più spiccato al polso e molto meno al gomito è possibile evitare l'intervento a "cielo aperto" (come da Lei suggerito) e ricorrere piuttosto all'intervento per via endoscopica al livello del polso?
2) nell'attesa del predetto intervento, quale dei seguenti farmaci reputa più idonei per ridurre il dolore al polso e al braccio? Contramal o Lyrica?
Ringraziando ancora per l'attenzione porgo distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Sui farmaci non posso darle indicazioni specifiche perchè lo vieta il nostro regolamento.

Personalmente, farei l'intervento a cielo aperto, molto più sicuro.