Utente 300XXX
Salve, siccome sono alla mia prima richiesta di consulto mi scuso anticipatamente per eventuali errori riguardo l'area tematica di pertinenza. Circa 2 mesi fa sono andato al pronto soccorso poiché avevo un senso di oppressione al petto ed una grandissima paura di morire da un momento all'altro. Mi hanno fatto un Ecg (che non mi hanno rilasciato) dicendomi che, per quanto riguarda il cuore, era tutto a posto. Un mese fa, preso dalla stessa paura, ho sostenuto una visita cardiologica in cui l'Ecg era perfetto ed anche l'Ecocardiogramma, la pressione era 120/80 ed anche gli esame del sangue erano perfetti. Oggi, seguendo una cura farmacologica e psicologica contro gli attacchi di panico, mi sento molto meglio, però il dubbio e la paura non mi hanno ancora abbandonato. La domanda è la seguente: avendo io 28 anni è possibile che a distanza di un mese da Ecg ed Ecocardiogramma perfetti possa avere un infarto? Ho perso mio padre 20 anni fa a causa dell'infarto ma lui, a differenza mia, aveva il diabete mellito di tipo 1.......grazie in anticipo per la risposta....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' estremamente improbabile che lei abbia un infarto cosi' giovane. I fattori di rischio che lei presenta sono la familiarita' e l'obesita.
Sulla prima non possiamo intervenire, sulla seconda sta a lei comprendere che se davvero ha paura dell'infarto deve drasticamente ridurre il suo peso (che rpedispone tra l'altro al diabete, oltre che all'infarto).
Ovviamente devo dar per scontato che lei non sia fumatore, altrimenti tutto risulta inutile
Si tranquillizzi
cordialita'
cecchini
[#2] dopo  
Utente 300XXX

Iscritto dal 2013
Le sono molto grato per la risposta Dott. e ne approfitto per porgerle un'altra domanda. Premesso che nel mio caso il rischio "familiarità" non è eliminabile, vorrei chiedere perché il rischio "obesità" va considerato per quanto riguarda l'infarto, cioè qual'è il meccanismo che, partendo dall'obesità, può portare ad avere un infarto? Grazie in anticipo per la risposta.....
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Innanzitutto pwrche l obeso si muove meno e quindi la attivita fisica è ridotta; vi è poi, nei decenni un aumento del valor pressori anche essi danmosi. L obeso è poi soesso ipercoletweolemico e diaberico, il che complica il quadro.
Riduca il suo peso considerevolmente dato che è una persona giovane
Arrivederci
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 300XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dott., la sua risposta è stata assolutamente esaustiva. Giusto per completezza la informo che negli ultimi 2 mesi c'è stata una fortuna nella sfortuna: a causa degli attacchi di panico ho avuto mal di stomaco e continua sensazione di nausea e pienezza, per cui ho mangiato poco e sano, perdendo 12 Kg......sto continuando su questa strada, anche per tenere nella norma i valori di colesterolo e trigliceridi (ci tengo a sottolineare che comunque non soffro di ipercolesterolemia ed ipertrigliceridemia).....mi manca solo l'input per cominciare a svolgere attività fisica, poiché a parte il benessere fisico che ne derivi, credo faccia anche bene contro lo stress ed a scaricare la tensione nervosa.....comunque la ringrazio ancora tanto per la risposta e spero di poterle scrivere al più presto per dirle che mi sento al 100%......

Saluti