Utente 233XXX
Gentili dottori,
Sono un ragazzo di 22 anni. Non fumo, non bevo e non ho problemi fisici come diabete o colesterolo alto. Sono alto 1:76 e peso 63 kg. Sono un po' ansioso e ipocondriaco. Da circa un anno ormai ho dei strani dolori alla spalla sinistra e spesso sotto la clavicola. In sostanza se premo con le dita appena sotto la clavicola sento dolore. Come se ci fosse qualcosa di infiammato. Inoltre mi capita raramente di avvertire forti fitte alla spalla sinistra. Sempre la spalla sinistra quando la muovo fa degli schricchiolii molto intensi e forti. Ultimamente ho riniziato a correre e mi capita che dopo un po' mi viene male alla spalla sinistra e appena mi fermo smette di fare male. Essendo molto ipocondriaco per via di questi dolori e per via di extrasistoli nell'ultimo anno ho fatto varie visite cardiologiche e da cui non è mai risultato niente se non blocco di branca destra e lieve insufficienza mitralica e qualche extrsistoli. Anche durante le prove da sforzo sentivo un fastidio alla spalla ma i medici mi hanno sempre detto che non dipende dal cuore. Ora volevo chiedere anche a voi se posso stare tranquillo e se questi dolori possono anche non dipendere dal cuore. E se non è il cuore cosa potrebbe essere? Sono dolori che aumentano con la pressione delle dita e anche quando corro e mi fa male la spalla se la 'tiro' dietro la schiena non sento più dolore.
Posso tranquillizzarmi ? A chi dovrei rivolgermi ? Gazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il disturbo da Lei riferito non è attribuibile assolutamente ad un problema cardiaco.
E' possibile, tra le tante ipotesi diagnostiche, che esso sia causato da un'errata postura, da una contrattura muscolare dolorosa o da una periatrite scapolo-omerale. In tutti i casi con una visita ortopedica si potrà agevolmente giungere ad una diagnosi, aiutandoLa così a superare l'immotivata paura di essere affetto da chissà quale malattia di cuore (a giudicare dalle innumerevoli richieste di consulto in tal senso).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio dottore per la Sua disponibilità.
Farò una visita ortopedica.
Arrivederci e buona giornata