Utente 263XXX
Salve. Sono un ragazzo di 18 anni e a due settimane da ora ho dovuto subire un operazione ad un testicolo a causa di un idrocele. Qualche giorno dopo l'intervento ho iniziato ad avere un leggero prurito al prepuzio ed al frenulo. Premettendo che, date le mie condizioni, non sono riuscito a lavare e mantenere pulita la zona interessata, per paura che l'acqua o il sapone colpisse la ferita, una volta accorto del fastidio, ho scoperto il glande e ho notato dei composti bianchi, simili alla ricotta. Ho cercato di rimuoverli con dei fazzoletti imbevuti ma il giorno dopo si sono ripresentati. In effetti, quel giorno, ho notato anche un rossore (che ho tutt'ora) nel prepuzio e sul frenulo. All'inizio ho pensato si trattasse di un'infiammazione, così non mi sono preoccupato piu di tanto. Il giorno dopo, mentre ricontrollavo se c'era presenza di composti bianchi, ho notato che avevo delle difficoltà, rispetto al solito, a scoprire completamente il glande a pene eretto (mentre a pene non eretto non avevo molte difficoltà). Speravo che era dovuto solo all'infiammazione e così mi sono documentato su internet, scoprendo così fimosi e parafimosi e mi sono spaventato molto all'idea di un nuovo intervento in questa zona delicata. Premetto che, anche avendo avuto rapporti sessuali, non ho perso il frenulo avendolo lungo e riuscendo a scoprire completamente il glande. E per questo, prima di rivolgermi al medico di famiglia, ho sperato in un Vostro consulto sull'accaduto. Vi chiedo perdono per il modo in cui ho raccontato quello che è successo, ma sono davvero spaventato e spero in un Vostro chiarimento "positivo". Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,è palese che la formazione dello smegma sia da mettere in relazione alla scarsa igiene,facilmente risolvibile ricorrendo a saponi specifici ed a terapie locali monitorate attraverso una diagnosi visiva e batteriologica,da parte di un medico reale.Il frenulo,in circa il 50% degli uomini,non si lacera...La relativa difficoltà nell'evaginare il prepuzio sul glande,va ascritta allo stato infiammatorio locale,balanopostite.Si rivolga,senza timori superflui,al medico di famiglia.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Benissimo, La ringrazio infinitamente per la Sua risposta. Oggi stesso prenderò appuntamento dal medico di famiglia. Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Izzo, che mi ha preceduto, se desidera poi ancora altre notizie più dettagliate su tali problemi di natura andrologica, che interessano i giovani uomini, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.