Utente 166XXX
a seguito di dolori ai testicoli ho fatto una visita da un urologo che mi ha fatto fare uno spermiogramma con risultato azoospermia. dopo una visita ecografia scrotale e transrettale mi hanno trovato una ciste alla prostata. fatto l'intervento di cistoscopia il primario dell'ospedale mi aveva informato che il dotto di Wollf si era sviluppato male e che le vie erano tutte incasinate, che avevo uno sdoppiamento dell'uretere a sinistra, e che si doveva vedere se queste vie funzionavano correttamente. tutti i relativi esami ormonali sono perfettamente nella norma.
LH : 3.3
FSH: 7.4
PROLATTINA: 20.8
TESTOSTERONE: 10.67
INIBINA B : 250
ricerca di microdelezioni del cromosoma y negative
successivamente a seguito di spermiogrammi negativi mi sono sottoposto ad una biopsia testicolare. il dottore mi aveva informato che il centro dove mandano i campioni da analizzare aveva detto che il campione di testicolo non era sufficiente per effettuare l'analisi. quindi avevo fatto un'operazione senza aver avuto un risultato.è passato un anno e mezzo circa e ho deciso di farmi controllare da un andrologo che dato che i miei valori ormonali erano perfetti lui mi ha praticamente detto che nel momento il cui avessi avuto la necessità di concepire mi avrebbe indirizzato in un centro di PMA. la mia domanda è questa: che indagini si devono fare per stabilire se ci sono e dove le ostruzioni delle vie seminali? deferentovesciculografia, ecocolordoppler scrotale e prostatico sono esami da fare? blocchi a livello epididimario come si verificano? il medico mi è sembrato molto menefreghista e mi ha liquidato così.
chiedo ai medici esperti nel settore cosa ne deducono del mio caso. sono da verificare le ostruzioni? il mio quadro ormonale è perfetto? ricordo inoltre che quando ho fatto la biopsia testicolare il medico in corso di prelievo mi aveva rassicurato dicendo che la mia polpa testicolare era ottima, che i miei testicoli erano di forma,dimensione normali ed erano molto ben vascolarizzati. grazie a tutti dell'attenzione che porrete al mio problema.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Da quanto sopra esposto credo che la diagnosi sia stata fatta ovvero probabilmente si tratta di una azoospermia "ostruttiva" confermata dai valori ormonali che appaiono nella norma. Per quel che riguarda altre indagini per meglio chiarire la sede precisa dell'ostruzione ad esempio la deferentovescicolografia o la eventuale ripetizione della biopsia testicolare per verificare la presenza di psermatozoi prelevando un maggior qunatitativo di tessuto testicolare, la reale necessità è in effetti dubbia. Nel senso che si tratta comunque di esami invasivi che possono aggravare ulteriormente la sua già delicata situazione (infezioni ematomi ecc.), ecco perchè forse è giusta la indicazione di fermarsi per il momento con le indagini sino al momento in cui lei decida di voler intraprendere il complesso percorso della fecondazione assistitita.
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
dottore secondo lei non devo fare altre indagini per verificare se ci sono ostruzioni e laddove fosse possibile una possibile risoluzione chirurgica? secondo la sua esperienza con questi valori ormonali posso stare tranquillo che gli spermatozoi ci sono?
[#3] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
inoltre capita molto spesso dopo una eiaculazione che sopra il testicolo destro si formi un grumo di tubicini molto evidente ad occhio nudo e dolorante. quando al medico avevo riferito questa cosa mi ha subito detto che è un buon segno perchè ci sarà una ostruzione. ora io non capisco dato che ho queste vie incasinate, il medico non dovrebbe fare tutte le diagnosi possibili per evitare qualsiasi dubbio?ecografie ecc ecc?
[#4] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
1)Come già detto il problema è che si possono fare tutte le indagini che si vogliono, solo che andare ad individuare la esatta sede dell'ostruzione o delle ostruzioni presupposte (possono anche essere multiple) è difficile, ancor più complesso e non scevro da possibili complicazioni è la possibile soluzione chirurgica che spesso si avvale della microchirurgia (utilizzo di un microscopio operatore) tenendo sempre presente le possibilità di insuccesso e di peggioramento della fertilità.
2) Finchè non li si individuano definitivamente è difficile stabilire in termini assolutistici la presenza di spermatozoi. Gli esami fanno pensare che dovrebbero esserci. Per dirimere il dubbio è necessario eseguire una ulteriore biopsia il che significherebbe danneggiare ulteriormente il testicolo e peggiorare la delicata situazione, a meno che non si decida di eseguire una contemporanea crioconservazione che comunque ha degli oneri abbastanza elevati.
3 L'esecuzione di una ecografia può essere utile considerato che è un esame non invasivo a differenza di quelli sopracitati.
[#5] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio della risposta. gli esami da fare per valutare delle ostruzioni allora quali sono? potrebbe essere che a causa della ciste alla prostata ( che a detta del medico era molto grossa) abbia causato qualche ostruzione a livello dei deferenti. la ciste a secondo del medico era li da tanto.
[#6] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Una voluminosa cisti prostatica può anche rappresentare una causa ostruttiva, ma senza una deferentovescicolografia (la cui indicazione alla esecuzione va attentamente valutata dal suo medico) è difficile stabilirlo.
[#7] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio della sua disponibilià. la terrò aggiornata in merito
[#8] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prego!
[#9] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
ho fatto una visita da un altro andrologo. dopo avergli spiegato la mia situazione mi ha fatto i controlli e mi ha trovato un varicocele. inoltre dalle analisi non risulta fatta una ricerca per mutazioni della fibrosi cistica oltre che ricerca di batteri tra cui clamidia ecc ecc nel liquido seminale e nelle urine. ho fatto solo microdelezioni del cromosoma y. allora ci stiamo muovendo in questa direzione. farò questi esami e poi lo rivedrò per valutare i risultati ed effettuare una ecografia transrettale.
[#10] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Ok! Se vuole mi tenga aggiornato.
[#11] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
salve ho fatto tutti gli esami per le mutazione della fibrosi cistica nonchè esami di ricerca batteri tra cui clamidia ecc.... nelle urine e nel liquido seminale. per la fibrosi cistica risulta:
allele 1: assenza di mutazioni
allele 2: assenza di mutazioni
allele Tn. omozigosi 7T/7T
conclusioni: genotipo normale per le mutazioni studiate, per una adeguata valutazione del risultato,si consiglia di rivolgersi allo specialista competente o di eseguire una consulenza genetica..
per gli altri esami è tutto apposto non c'è niente.

con il medico abbiamo fatto una eco transrettale dal quale risulta un diverticolo della vescica che secondo lui (ma è una ipotesi) potrebbe riempirsi di urina e bloccare( comprimere) le vescicole seminali dato che è al limite tra prostata e vescicole.
inoltre il varicocele di 3 grado è confermato...
per il medico l'unica strada da percorrere è: scleroembolizzazione del varicocele ( che a sua detta potrebbe essere una causa dell'azoospermia ma lontana), e nel momento in cui decido di fare la fecondazione assistita si vede se ci sono spermatozoi... dalle vostre esperienze cosa ne pensate? il varicocele potrebbe esserne una causa? grazie dell'attenzione
[#12] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Il varicocele non è contemplato fra le cause di azoospermia ostruttiva, ma può invece determinare una alterazione maturativa.
[#13] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
una alterazione maturativa cosa vuol dire?che non si producono?e quindi curando il varicocele potrebbe risolvere il problema?
[#14] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Alterazione della maturazione significa alterazioni soprattutto del numero di spermatozoi maturi ovvero di quelli pronti per fecondare ma non la loro completa assenza.
[#15] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
le possibilità anche se poche di una azoospermia legata a varicocele ci sono? nel senso che ogni caso è a se?
[#16] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Le possibilità che un varicocele di alto grado possa determinare azoospermia sono davvero remote. Sicuramente esistono altre cause associate.
[#17] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
salve dottore. cosa intende che esistono altre cause associate?
[#18] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Probabilmente influisce anche la cisti prostatica.
[#19] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
la ciste prostatica che è stata tolta potrebbe aver dato delle ostruzioni che con ecografia non sono riconoscibili?
[#20] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Difficile stabilirlo.