Utente 269XXX
Buongiorno, ho un problema che potrebbe sembrare sciocco, ma in realtrà mi crea un notevole imbarazzo.
Premetto che ho un pene normale, dimensioni nella media, non soffro di ansia da prestazione o altro.
Il mio problema è che durante le visite mediche in cui devo rimanere nudo (la prima volta mi è successo davanti all'ufficiale medico ad una visita militare), il mio pene, forse per l'imbarazzo e l'ansia diventa veramente piccolo (diminuisce come dimensioni di 2/3 o più delle condizioni normali "a riposo") e il sacco scrotale si raggrinzisce.
Vorrei sapere da voi medici del settore, se questa situazione è normale e la riscontrate anche in altri pazienti. Scusate per il disturbo, ma questa cosa mi crea disagio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
a meno che il paziente non abbia tendenze sessuali imbarazzantemente esibizionistiche la sua è la norma: la vergogna scatena adrenalina che raccorcia e raggrinzisce il tutto.
[#2] dopo  
Utente 269XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dr. Cavallini.
Benigni in una sua canzone recita: "Ciò che sembrava una locomotiva
è diventato un nocciolo d'oliva".
Scherzi a parte, in effetti sarebbe molto più imbarazzante e preoccupante se si verificasse una situazione invertita rispetto a ciò che mi capita.
Grazie ancora per avermi confermato che la mia condizione rientra nella normalità, tra pochi giorni dovrò fare un esame diagnostico che già di per se non è piacevole, e la vergogna per il "nocciolo di oliva" sta aumentando ulteriormente il mio stato d'ansia, dato che potrebbero esserci più medici e infermieri e io sarò nudo.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
mai svelare al mondo ciò che potrebbe essere grande. Nascerebbe l' ividia.
Paolo di Tarso, fatto poi santo.