Utente 892XXX
Gent.mi dottori,
vorrei un vostro parere poichè mi è accudato un malore allarmante, per due volte, a distanza di 5 anni. Ho avuto un TIA. Mi hanno dato la cardioaspirina che prendo da 5 anni. In questi giorni mi è accaduta la stessa cosa. Entrambe le volte in seguito ad una forte agitazione, con pressione 200/110, e sbalzi di pressione per una settimana. Non mi è stata prescritta una terapia per la pressione. Mi hanno fatto una tac senza mezzo di contrasto e un EEG, negativi.
Quando la pressione mi si alza mi fa ogni volta molto male alla nuca al lato destro: ho la sensazione che una arteria stia per scoppiare. Ciò mi procura paura. Chiedo se è possibile una terapia antiipertensiva anche se i picchi avvengono solo quando qualcosa mi fa molto arrabbiare. Ci sono altre analisi e accertamenti che dovrei fare per vedere come stanno le arterie cerebrali visto il dolore che ho sempre allo stesso punto? O basta la TAC senza contrasto, che ho fatto? Inoltre ho il colesterolo alto, e esapent non me lo ha abbassato.Dal pronto soccorso mi hanno dimessa senza una terapia, solo il NIfedicor in
caso di necessità, ma ci impiega 5/6 ore per abbassare la pressione.
Ho paura di avere un ictus.
Spero di avere il vostro aiuto.
Cordiali saluti
Rosa

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Una persona giovane come lei, ipertesa ed ipercolesterolemica, con una diagnosi di TIA deve essere accuratamente studiata e curata.
L uso della nifedipina " al bisogno" è stata eliminata dalle linee guida, e va impostata una terapia cronica per la ipertensione, dopo avere eseguito un ECO cardiografia e se necessario un Holter ABPM delle 24 ore.
Per cio che concerne la ipercolesterolemia debbono essere impiegate le statine e non certo gli acidi grassi poliinsaturi ed omega 3 che hanno effetto sui trigliceridi ma non sulla colesterolemia
Riduca il sale nella dieta, cammini almeno un ora al giorno a passo svelto ed ovviamente stia lontano dal fumo.
Arrivederci
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 892XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo dott. Cecchini,
grazie per la sua risposta.
Se ho ben compreso, dovrebbero prescrivermi una terapia antipertensiva anche se la pressione ha sbalzi solo a volte. Ma se abitualmente è bassa, non rischio un collasso?
Inoltre le chiedevo se una RMN o altri esami possono visualizzare una alterazione delle arterie ceebrali visto che ho questo dolore localizzato sempre allo stesso punto.
Grazie
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L terapia antiipertensiva è indispnesabile e nn le creera alcun collasso come dice lei
Una RM puo essere eseguita al fine di visualizzare la presenza ed estensione di evnetuali aree ischemiche.
Ma dovrebbe eseguire anche altri esami come le ho scritto prima
Arrivederci
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 892XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo dottor Cecchini,
la ringrazio per le sue chiare indicazioni, che però mi portano a pensare come i suoi colleghi non siano stati altrettanto chiari e competenti.
Spero di trovare presto nella città in cui vivo, a Roma, un medico che mi possa seguire bene.
Cordiali saluti e ringraziamenti.
Le farò sapere.
[#5] dopo  
Utente 892XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo dott. Cecchini,
chiedo nuovamente un suo parere, spero che vorrà rispondermi. Da tre giorni prendo una compressa da 2,5 di Ramipril, ma ieri sera la pressione era ugualmente a 170/100. Ho disturbi di visione, e da ieri dolori al torace e un ritmo cardiaco strano. L'elettrocardiogramma dice:
" lievi anomalie del recupero ventricolare a tipo ripolarizzazione precoce".
Il cardiologo dice che non è niente. Ma io mi sento strana, e poi il 16 di Aprile, per un certificato di idoneità allo sport ho effettuato un elettrocardiogramma, ed era perfetto.
Per lei cosa significa?
Purtroppo i tempi per gli accertamenti sono lunghi, qui la situazione sanitaria è drammatica.
Cardioaspirina e Ramipril sono compatibili?
Grazie
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La dicitura anomalie della ripolarizzazione tipo ripolarizzazione precoce e' un elegante modo per dire che il suo tracciato e' nella norma.
Per cio' che concerne l'associazione ramipril ed aspirina questa e' un'associazione eprfetta.
Il dosaggio del Ramipril invece e' molto modesto sia come dose totale giornaliera ( 2,5 mg e' quasi "pediatrico") sia in considerazione del fatto che la molecola agisce per circa 12 ore e quindi la somministrazione deve essere in due dosi giornaliere, ogni 12 ore
Arrivederci