Utente 301XXX
Buongiorno,
da qualche tempo soffro di una stanchezza eccessiva, che mi rallenta i risvegli anche quando non devo lavorare. Infatti, anche durante quelli che sono i miei giorni liberi, passo la giornata a ciondolare almeno fino a pranzo, perché prima non ho proprio la forza di fare nulla.
Purtroppo lavoro su turni e i miei ritmi sonno-veglia sono piuttosto sballati, però, anche quando mi capita di avere un ciclo di sonno più regolare (capita di lavorare per una decina di giorni sempre la sera, ad esempio), non mi sveglio mai "in forma e scattante": resto a letto parecchio, dopodiché mi trascino in cucina per farmi un caffè e la sensazione di essere assonnata permane a lungo.
Non credo di particolari patologie, ho fatto diversi ecg ed è tutto a posto, non russo (quindi, se non sbaglio, non dovrei avere apnee notturne...)
Ci sono degli accertamenti che posso fare? So che non è nulla di grave ma è una situazione piuttosto fastidiosa...
Grazie.
Un saluto
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La pressione arteriosa bassa, l'anemia iposideremica, il distiroidismo, sono alcune delle frequenti cause organiche di questi fenomeni.

Possono essere davvero molte le cause della stanchezza cronica
e vanno indagate seguendo un idoneo ed ordinato percorso diagnostico che accerti le eventuali cause organiche, psicologiche e quant'altro.

Le consiglio di effettuare una visita medica diretta in un ambulatorio specialistico di medicina generale.

Cordialmente