Utente 226XXX
Salve sono un ragazzo di 35 anni,un anno fa la mia ragazza aveva continui bruciori dop essere andata dal ginecologo che gli a riscontrato una leggiera infazione ma nulla di particolare, io non contento sono andato do un andrologo che mi ha fatto fare diversi esami e tra questi un esame culturale tampone uretrale sono risultato positivo al streptococcus agalactiae, il dottore mi ha prescritto diversi farmaci, a distanza di un anno la mia ragazza ha avuto dinuovo bruciori e mi sono rifatto il test con esito positivo al streptococcus agalactiae escherichia coli come posso fare .
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marcello Stante
28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico,
talvolta il reperto di simili batteri può essere soltanto occasionale e non si rende direttamente responsabile della patologia. tali batteri a volte si riscontrano anche in soggetti assolutamente privi di sintomi (prurito etc). per entrambi consiglio una visita dermatologica contemporanea in occasione della quale, dopo avere raccolto la "storia" della vostra sintomatologia e dopo avere visitato entrambi, possa essere posta una diagnosi precisa ed impostata una cura definitiva.
rimango a vs completa disposizione dedicando parte della mia attività professionale nella città di Taranto.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
nulla di preoccupante... ma non Vi resta che ripetere l'iter diagnostico già effettuato: quindi visita ginecologica per la Sua compagna e naturalmente andrologica per Lei. Entrambi gli Specialisti decideranno i necessari esami colturali e le adeguate terapie. Sarà anche il caso che chiediate quali sono le accortezze cui attenersi nella pratica della Vostra sessualità.
Affettuosi auguri ad entrambi e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO