Utente 211XXX
Buongiorno. Come da titolo, è da più di un anno che la mia guancia destra è gonfia e, pur avendo girato vari dentisti, nessuno per ora è riuscito a trovare la causa del problema. Tutto è iniziato con la devitalizzazione di un molare. Immediatamente dopo, la guancia ha iniziato a gonfiarsi e il dente a dolere (cosa che prima della devitalizzazione non faceva). Mi sono allora recata da un'altro dentista, il quale, dopo aver fatto una piccola lastra al dente, mi ha detto che la devitalizzazione era stata ben eseguita. Ha allora deciso di estratte il dente del giudizio inferiore, pensando fosse quella la causa, ma il gonfiore è rimasto invariato e il dentista ha allora deciso di controllare il dente devitalizzato, riaprendolo. Insomma, dopo numerosi tentativi e nessuna soluzione, ho nuovamente cambiato dentista. Quest'ultimo mi ha detto che la devitalizzazione è stata fatta male (è stata sfondata la parete, credo) ed ha quindi proceduto con l'estrazione del dente devitalizzato. Si pensava che, anche se fosse passato quasi un anno, il gonfiore sarebbe passato da solo nel giro di qualche tempo, invece è rimasto. Allora mi ha prescritto un'ecografia alla guancia destra per escludere il coinvolgimento di qualche ghiandola salivare. Escluse anche queste ultime, ho eseguito una TC massiccio facciale con questa diagnosi (che non ho ancora potuto far leggere al mio dentista): "Vi sono minimi ispessimenti mucosi in corrispondenza del pavimento del seno mascellare destro. Ai livelli esaminati, le cavità pneumiche paranasali comprese nel volume acquisito sono prive di lesioni espansive o versamenti.Vi è un'evidente deviazione a destra del setto nasale con sperone osseo sul versante della convessità.Sono regolarmente pervi l'ostio del seno mascellare e l'infundibolo, bilateralmente, così come le vie aeree nasali (ai livelli compresi nel volume acquisito). Si osservano sequele di avulsione di 1.6. Nelle altre sedi non si osservano immagini di osteolisi periapicoradicolari."
I miei sintomi alla guancia non sono di dolore vero e proprio, bensì di fastidio: l'avverto tirare, la sento calda, a volte un po' pulsante, e trovo sollievo apponendovi sopra del ghiaccio o qualcosa di freddo. Ho inoltre notato che la mattina appena sveglia la guancia è meno gonfia e più gonfia la sera; trascorro anche dei periodi in cui non mi dà alcun fastidio, sebbene rimanga pur sempre gonfia.

Un'ultima cosa: ricordo che un dentista, consultato per momentanea impossibilità di recarmi dal mio, notò una profonda carie nel dente accanto a quello devitalizzato (quando ancora non era stato tolto), trovando la causa del gonfiore in quello. Nessuno degli altri dentisti però ne ha confermato la veridicità... ma non potrebbe quindi essere un ascesso "indolore" che perdura da oltre un anno? Sarebbe possibile o le cause sono altre? Magari non più nemmeno di origine dentaria?
Vorrei inoltre precisare che il dente del giudizio superiore a destra sta spuntando.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alfredo Luglio
20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
gent.le sig.na
Da quello che riferisce escluderei qualunque patologia dentaria.
Sarebbe utile sapere se questo gonfiore è soggetto ad aumenti di volume, specie quando sente odori di alimenti in quanto ciò deporrebbe per una patologia della ghiandola parotidea che andrebbe confermata con una scialo-tac
[#2] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
la guancia 'gonfia' che non ha una contropartita nè nei denti nè nei seni mascellari, può dipendere da una iperattività del muscolo massetere che appunto sostiene la guancia: laddove ha una contrazione spastica genera anche dolore:
Sarebbe opportuna una valutazione gnatologica del suo problema.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Il controllo alla ghiandola parotidea è stato eseguito con l'ecografia. Inoltre il gonfiore non è vicino all'orecchio, bensì sullo zigomo, appena al di sotto dell'occhio, proprio sul punto in cui mi è stato estratto il dente devitalizzato. L'unica cosa che ho notato è che il gonfiore tende ad aumentare leggermente in concomitanza con stati di ansia o agitazione, ma mai per degli odori particolari.

Ho omesso di dire che di notte digrigno i denti. Per caso il muscolo massetere può esserne coinvolto in qualche modo? E in questo caso, perché gonfiare solo da un lato e non da entrambi?
[#4] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
'Ho omesso di dire che di notte digrigno i denti.'
E' il parametro che può chiudere il cerchio del suo problema: il bruxismo coinvolge anche il muscolo Temporale e lo pterigoideo esterno che rimandano un dolore anche nell'area dello zigomo e periorbitale.
Legga:
http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1492-dolore-facciale-ad-origine-neuromuscolare.html
potrà verificare meglio la sua sintomatologia.
Rimane il suggerimento della visita gnatologica.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Consideri il gonfiore come un sintomo; dobbiamo inoltre differenziarlo dall'ipertrofia.
Gonfiore da accumulo di liquidi o aumento di volume dei muscoli da iperattività?


Impossibile capirlo senza una visita ACCURATA dentistica e gnatologica.

Il bruxismo va inoltre valutato meglio.
Si tratta di serramento o digrignamento?
Quali altri sintomi sono presenti legati alla parafunzione?
Sono realmente presenti altre carie o processi infiammatori?
La TAC eseguita possiede un dettaglio sufficiente per escludere una infiammazione?
Qual'è lo stato delle gengive, è presente del tartaro nascosto?

Questa e altre domande affollamo la mia mente, domande a cui non posso rispondere on-line.

Sul mio sito www.malocclusione.it sono presenti articoli dedicati all'argomento bruxismo.
[#6] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, grazie per le risposte.
Sono stata visitata ieri dal chirurgo del mio dentista, che ha escluso possa trattarsi di qualcosa di origine infettiva, inoltre ha controllato tutti i denti attorno ma non ci sono carie. Mi ha sostanzialmente detto di andare a tentativi, di togliere il dente del giudizio in alto (l'unico che mi è rimasto) come prima cosa. Non ha escluso l'ipotesi del bruxismo (lunedì in ogni caso ho preso un appuntamento con uno gnatologo, per essere sicura al cento per cento che si tratta di questo), ma ha anche pensato potesse trattarsi di sinusite.
Nel caso in cui la causa fosse il digrignamento dei denti (di notte li digrigno, di giorno, qualche volta, li tengo serrati), è vero che il gonfiore non si affievolirà? Non c'è niente che possa fare per ritrovare un minimo di simmetria, oltre a mettere il bite? Inoltre, ci sono diversi tipi di bite o sono tutti uguali? E nel mio caso, qual è consigliabile usare?
[#7] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Dimenticavo di dire che soffro di cervicale e ho inoltre la mandibola che "scrocchia" da un lato. Precisamente a sinistra, anche se il gonfiore è a destra. Ho inoltre spesso fastidio all'orecchio o comunque vicino alla mandibola a destra, ma non ho ancora capito, né alcun dentista mi ha mai detto, se si tratta del dente del giudizio che sta spuntando o meno.
[#8] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
la sua situazione è emblematica di un disturbo gnatologico che è appunto di competenza. Il dentista di base può non conoscere queste problematiche che vanno affidate ad una visita necessaria per una precisa diagnosi ed eventuali terapie mirate. Lo specialista è lo gnatologo.
Cordiali saluti