Utente 302XXX
Buongiorno,
scrivo per un problema che affligge il mio compagno.
Mesi fa ho preso un gatto e lui si è scoperto allergico, nonostante nella sua vita abbia già convissuto con questi animali.
I sintomi sono piuttosto diversi ed incostanti: ci sono giorni con forti riniti e congiuntiviti e settimane intere in cui non si manifesta nulla e sembra stia bene, convivendo tranquillamente con il gatto. Nell'ultima settimana, però, si sono verificati diversi casi di asma allergica notturna, con tosse e sibilo. Io sono abbastanza preoccupata, sia per la sua salute che per le sorti del mio gatto. Non so se questo acutizzarsi dei sintomi coincidano con il periodo primaverile e quindi con altre allergie di cui non siamo ancora a conoscenza e, quindi, gia ci stiamo muovendo per consultare un allergologo. Nel frattempo vorrei sapere cosa potergli somministrare per trovare un beneficio durante questi attacchi, sperando non si ripresentino, e se questo vaccino di cui sento parlare può essere davvero efficace.
Grazie per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
per quanto riguarda il controllo della situazione nell'immediato, è più che sufficiente consultare il medico di famiglia.
Per quanto riguarda la pianificazione di una terapia a medio-lungo termine (e, se vogliamo, il destino del gatto), è opportuna la visita specialistica con esecuzione dei relativi test. Il "vaccino" antiallergico risulta efficace se esistono le condizioni perché lo sia; il collega allergologo saprà consigliarvi anche in tal senso.
Saluti,