Utente 301XXX
Buongiorno,
Sono stato operato recentemente di varicocelectomia con sclerotizzazione subinguinale con metodo Marmar con esito regolare.
Ho una curiosità sul post operazione.
C'entra qualcosa il liquido sclerosante iniettato, col fatto di non potersi alzare dal letto per un giorno? Quanto tempo rimane attivo?
Il liquido dovrebbe fare il suo lavoro nel momento in cui viene introdotto, o persiste nella vena nella quale è stato iniettato?
Potrebbero sembrare domande stupide ma il fatto di sentirmi dire dagli infermieri (che daccordo non sono dottori) che alzandomi avrei potuto precludere il buon esito dell'intervento mi ha fatto pensare.
Ringrazio in anticipo chi vorrà rispondermi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il liquido "brucia" le pareti venose che collassano. E se na va rapido col sangue. Questo collasso dura qualche tempo, a seconda del liquido usato. Per questo bisogna osservare riposo.-
[#2] dopo  
Utente 301XXX

Iscritto dal 2013
Innanzitutto grazie per la celere risposta.
Se non ho inteso male il liquido non permane nella vena, ma è l'effetto del collasso che va "tutelato" con ghiaccio e riposo (almeno è quello che è successo a me).
Quello che dicevano gli infermieri, alla luce della sua risposta, penso non corrisponda a verità.
Grazie di cuore.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Esatto, va titelato l' effetto collasso della vena.-
[#4] dopo  
Utente 301XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille, mi ha chiarito la situazione.