Utente 276XXX
Salve, innanzi tutto vi elenco le mie allergie (almeno quelle che so fino ad ora):

- Macrolidi
- Plurifloxacina
- Lucen (esomeprazolo)
- Prontinal (beclometasone dipropionato) [fastidio più che altro credo, perchè ho fatto più volte aerosol con prontinal ed ogni volta fastidio a respirare e tosse ad ogni respiro come se avessi polvere in tutto l'apparato respiratorio.]

- Hennè
- Parafenilendiamina

- Acari
- Gatto
- Cane

- Ambrosia
- Plantago
- Graminacee
- Cynodon dactylon

Questi ultimi mi stanno dando parecchio fastidio, qualche giorno fa sono uscito di sera e sono andato in un posto circondato da molti alberi e piante ahimè, la stessa sera ho avuto fatica a respirare, costrizione alla gola, orticaria e macchie rosa-rosse, ho preso subito un antistaminico che però non ha fatto molto, anzi il giorno dopo sono stato peggio ed ho dovuto ricorrere al cortisone, precisamente il Deflan 30 mg, 1 cp x 3 gg, 3/4 x 3 gg, 1/2 x 3gg e 1/4 per 3 gg.
Ora sono al sesto giorno domani devo prendere 1/2 copressa ma i miei disturbi a respirare non sono migliorati molto, soprattutto la sera nel letto faccio fatica a respirare e sento i "fischi" dell'asma, alla mattina mi sveglio con dolori ai polmoni, la parte della schiena.
Quindi mi chiedo è normale che i miei disturbi non siano spariti?
Potrebbe essere un diverso problema ai polmoni invece che asma da allergia?


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
La terapia che esegue può essere anche considerata giusta, ma le ricordo che esistono anche gli spray di broncodilatatore e di cortisone oltre che quelli in compresse che in genere sono somministrati nel caso di sintomi più eclatanti e per fasi acute e per brevi periodi.
Gli spray le danno un rapido beneficio sia dal punto di vista sintomatologico e terapeutico.
Da valutare attentamente le sue positività e reazioni a farmaci al fine di stabilire una eventuale terapia immunoterapica.