Utente 294XXX
Buongiorno sig.ri dottori,
sono un uomo 37 anni, sportivo, non bevo, mai fumato.
Vivo da alcuni mesi una situazione emotiva di forte stress a causa di un lutto e a causa della perdita del lavoro.
A metà di aprile circa ho avuto un episodio come di inflenza intestinale con nausea e vomito. Il malessere con inappetenza è durato circa una settimana durante la quale mi è venuto mal di gola e tosse. La tosse è aumentata la settimana seguente (purtroppo sono dovuto stare a contatto per quella settimana con un forte fumatore e la cosa non mi ha certo agevolato), una tosse secca e stizzosa con abbassamento della voce, che questa settimana inizia a migliorare. La tosse è diminuita ed è diventata più grassa. Ho avuto negli ultimi giorni anche una lingua molto bianca che sembra stia tornando a posto. Mi sono curato con inalazioni di sedocalcio e riposo bevendo tanto. Ormai sono passate tre settimane e diciamo che questo quadro influenzale, se così posso definirlo, è migliorato, ma ancora mi da problemi, tra i quali una certa stanchezza e fatica nell'attività sportiva che ho cercato di riprendere ieri. Ho fatto un rx al torace settimana scorsa e questo è il referto:
accentuazione della trama polmonare ilo-perilare come in quadro bronchitico
non addensamenti parenchimali a focolaio in atto
ili accentuati a componente vascolare con segni di ispessimento peribronchiale
cuore nei limiti
Fatta questa lunga premessa, giungo al dunque, mi sono accorto di avere alla base del colo sul lato sinistro, una pallina che si muove e non fa male e leggendo qua e là intuisco che possa essere un linfonodo. Non ne ho altri ne sul collo ne in altre posizioni del corpo. Ho eseguito esami del sangue a dicembre ed erano tutti nella norma e causa un incidente d'auto in febbraio, una rmn cervicale senza rilevanza. Ora vi chiedo, andando subito al dunque, potrebbe essere indice di un tumore? Potrebbe essere causa di questo stato influenzale? Dovrei sottopormi ad esami specifici o attendere e potrebbe tornare tutto nella normalità
In attesa di una Vostra cordiale risposta
cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' probabile da quanto scrive che si tratti di un linfonodo reattivo che non giustifica preoccupazioni ma ovviamente una visita di conferma è necessaria coinvolgendo il suo curante.

http://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html

Tanti saluti
[#2] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la risposta e del link allegato!
Starò tranquilo e andrò dal mio medico di base.

cordiali slauti
[#3] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissimo dottore,
sono stato dal mio medico curante che mi ha rassicurato e per un'ulteriore rassicurazione mi ha prescritto un'ecografia al collo.
Questo l'esito:
I linfonodi visibili al collo non presentano volume né caratteristiche morfologiche ed ecostrutturali sospette. Mantengono tutti ben definita la componente adiposa centrale-ilare. I clivaggi giugolo-carotidei sono rispettati. Tiroide di volume normale con aspetto simmetrico dei lobi e con ecostruttura uniforme in tutti i settori. Trachea in asse con calibro regolare. Normale anatomia delle ghiandole sottomandibolari e parotidi. Anche nella muscolatura del collo non risaltano anomalie.
Da questo intendo che tutto sia nella normalità.
Le chiedo un parere sul fatto che la lingua mantenga sempre un aspetto biancastro più o meno accentuato nell'arco della giornata e in questi ultimi tre giorni avverto un pò di bruciore intermittente anche sul palato. Sempre latente un leggero bruciore alla gola e avverto la sensazione di muco fermo o come potrei spiegarmi meglio, di un qualcosa che mi da fastidio in gola sopratutto nella zona di destra. Continuo ad avere un pò di tosse, ma la voce che settimana scorsa era scesa in cantina ora è tornata.
In attesa di una cordiale risposta

cordiali saluti