Utente 303XXX
Gentile Dottore,
Ho subito un intervento di riparazione valvola mitrale (grave) e tricuspide (lieve) recentemente e al controllo con ecocard. dopo 4 mesi dall'intervento c'è ancora un lieve/moderato rigurgito. E' normale? Anche in altri soggetti è successa la stessa cosa? Sono passati solo 4 mesi è vero, ma non vorrei dovermi sottoporre ancora ad intervento al cuore.Mi è stato prescritto un nuovo ecocard. tra 2 mesi.Non so se posso forzarmi a fare ciclette aumentando la difficoltà o a camminare quando sono stanca.
La ringrazio per la sua risposta
Sonia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Un residuo emodinamico dopo una riparazione valvolare è normale...certo il grado dell'insufficienza residua è il criterio più importante per stabilire se l'intervento chirurgico eseguito è andato a buon fine o meno. Nel suo caso direi che è corretto ripetere l'ECO senza tirare conclusioni affrettate... è importante anche capire qual è stato il beneficio clinico ottenuto, ma per questo lei deve assolutamente scendere di peso, pertanto faccia pure la ciclette.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottor Rillo,
La ringrazio tanto per la sua risposta che mi ha un po' confortata. Infatti quando mi sento stanca mi demoralizzo molto. Continuerò quindi per il momento a fare ciclette e a tenere conto di quello che mi ha consigliato. In futuro le farò sapere l'esito degli ulteriori accertamenti.
Cordiali saluti
Sonia
[#3] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Gentie dottor Rillo,
ho appena fatto una eco-transesofagea con questa diagnosi:
a carico del lembo posteriore presenza flail per rottura corda sintetica con jet di rigurgito di grado medio. Piccolo jet di rigurgito in sede paracommissurale postero-mediale. Conclusione: insufficienza mitralica di grado medio secondaria a flail del lembo posteriore per
rottura di corda artificiale.
Non sono ancora andata dal chirurgo, ma ho bisogno di alcune spiegazioni.
1) Dovro' ripetere l'intervento ?
2) Se si, si puo' riparare la corda sintetica con tecniche mininvasive?
3) oppure dovro' essere aperta di nuovo totalmente?
4) In caso di operazione a cuore aperto, si puo' ancora riparare la corda?
5) Oppure bisognera' cambiare la valvola con una sintetica?

Aspetto con ansia la sua risposta e la ringrazio tanto per la sua gentilezza.
[#4] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Sono domande che vanno poste al cardiochirurgo che l'ha operata...Solo lui può darle le risposte delle quali ha bisogno.
Saluti