Utente 303XXX
Sono una donna di 36 anni senza alcun problema,se non una positività tpo ma altri valori tiroidei nella norma(in famiglia tutte hanno tiroide autoimmune).5 anni fa ho avuto una gravidanza fantastica.Sei mesi fa resto incinta, facendo esami del primo trimestre i test hiv e hcv risultano con anticorpi interferenti dovevo ripeterli ma abortisco a8+6 anche se embrione fermo a 7 .Dopo un mese ripeto di nuovo hiv e hcv il primo è ok il secondo è 0,85 risultando in zona grigia,viene cercato virus hcv, ma tutto ok.
La mia ginecologa mi fa fare dopo 20 giorni i seguenti esami:
fattore II assente mutazione
Fattore V presente in soggetto eterozigote
Aspartato aminitransferasi 20 fino a 32
alanina aminotransferasi 23 fino a 33
immunoglobuline iga 26 mg/dL 70-400
immunoglòobuline igg 1740 mg/dL 700-1600
immunoglobuline igm 88 mg/dL 40-230
LAC screening (ELISA) Negativo
Ab anti Beta2G igg 2 U/mL 0-15
Ab Anti Beta"G igm 1U/mL 0-15
ACLA igg 29IU/mL <12 negativo
12-20 debolmente positivo
>20 positivo
AClA igm 3 IU/mL <12 negativo
Ab anti nucleo-ana (IFI) >1:1280 negativo< 1/80
itiloazione fluorescenza spleckled/nucleolare
Ab anti muscolatura liscia ASMA (ifi) negativo

Con questi risultati mi reco da un'immunologa che mi fa fare a distanza di circa 8 settimane questi esami

ACA negativo
Acla IGG 10 <10
ACLA IGM negativo
Ac anti beta 2glicoproteina negativo
Anti ena negativo
anti nucleari 1:60
anti_compl.fosf/proptrombina negativo

L'immunologa conclude scrivendo che difficilmente si possono mettere in relazione tali valori con il mio aborto e gli ana positivi sono da collegarsi alla malattia autoimmune tiroidea,non suggerendo nessuna terapiain caso di gravidanza,La ginecologa invece a test positivo dice aspirinetta ed eparina.Il mio medico non è in accordo con eparina suggerendomi di prenderla solo se si muovono anticorpi.IO sono molto confusa.
Grazie per il tempo dedicatomi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
in relazione al Suo racconto si può concordare con la collega immunologa.
La sola presenza di anticorpi antinucleo non configura un aumento del rischio di abortività, tant'è che il loro dosaggio non rientra fra i controlli di routine della gravidanza.
Posso immaginare che la collega ginecologa voglia indicare la terapia sulla base di altri elementi.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Grazie infinite per la sua risposta,
ho ben chiaro il suo punto di vista,anche se ancora non riesco a capire perchè dovrei fare una cura preventiva nel caso in cui anticorpi acla e ana decidessero di muoversi nuovamente.
Grazie ancora
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La positività ACLA, peraltro debole e di classe G, non è stata neanche confermata quindi non può essere considerata.
Quindi bisogna fare riferimento ai soli ANA che, come già detto, non rappresentano un fattore di rischio.
Per questo motivo presumo che l'indicazione a una eventuale terapia preventiva debba risiedere altrove.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio nuovamente per la velocità e la chiarezza con cui mi ha risposto.
Credo chiederò spiegazioni direttamente alla ginecologa perchè come le ho detto non ho alcun tipo di problema e tutti gli esami effettuati li ho riportati.
Grazie ancora,buon lavoro