Utente 303XXX
Buonasera,
il mese di settembre 2012, a causa di un incurvamento del pene verso sinistra, mi recavo dal mio Urologo di fiducia, il quale dopo aver eseguito una ecografia al pene, mi diagnosticava "Presenza di piccola placca di IPP" e mi prescriveva il Peironi MEV 1 capsula al giorno per 2 mesi (da ripetere dopo 30 giorni di intervallo).
Il 18 gennaio 2013, mi recavo dallo stesso Urologo per un controllo e dalla ecografia si riscontrava che la placca non era cresciuta rispetto al controllo precedente.
L' urologo mi consigliava di continuare la terapia di Peironi MEV, intervallata con Vitamina E.
Il 12 marzo, per avere un altro parere, mi recavo presso lo studio un altro Urologo, il quale dopo aver eseguito una ecografia, mi confermava la presenza della piccola placca, però mi prescriveva n° 8 sedute di Jonoforesi con Isoptin fiale.
Effettuate tali sedute, il 7 maggio, tornavo per il controllo ed il dottore dopo aver eseguito una ecografia, con soddisfazione, mi comunicava l'esito: "Placca frammentata, IPP in fase di quiescenza".
Mi ha prescritto la terapia di mantenimento " CARNIDYN Plus", 1 bustina al giorno a cicli di 15 giorni.
Il pene è rimasto sempre curvo. Il dottore mi ha detto che se voglio, adesso mi posso sottoporre ad intervento chirurgico per raddrizzarlo.
E' vero che mi rimane solo l'intervento chirurgico, o posso fare altro?
Ho difficoltà ad avere rapporti sessuali con mia moglie(secchezza), perchè 6 anni fa le è stato asportato l'utero per un tumore e si è sottoposta a cicli di radioterapia.
Spero di essere stato chiaro nel descrivere l'argomento.
Grazie
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

è auspicabile che gli specialisti da lei interpellati abbiano eseguito l'ecografia peniena in condizioni dinamiche, infatti tale esame è fondamentale per una corretta diagnosi, se poi la sua placca è in fase di quiescenza da almeno 9 mesi, se l'incurvamento è tale da impedire la penetrazione e comunque di non limitare il rapporto sessuale, può procedere con l'intervento di raddrizzamento.

Un cordiale saluto