Utente 330XXX
Un saluto a tutto lo staff sempre gentillissimo di medicitalia site molto gentili.
Sono un ragazzo di 22 anni e ho una forte sensibilità del frenulo e nella zona poco inferiore sensibile alla pressione tale da portarmi subito all'eiaculazione durante i rapporti sessuali e alla masturbazione. Inoltre tale sensibilità è fastidiosa anke con il pene a riposo basta un movivento o uno sfregamento leggerissimo per causare diciamo una stimolazione o a volte senza fare nulla sembra quasi uno stato di tensione molto fastioso imbarazzante.Posso raggiungere l'eiaculazione con il pene a riposo premendo e stimolando quella zona.
Il fenomeno sembra più accentuato quando il pene nn è in erezione o nn è diciamo al "massimo" Premetto che anche se il glande si scopre completamente mi hanno diagnosticato un possibile frenulo breve anche se questo va a pareri perchè in altre visite generali lo hanno definito nella norma;perchè a essere precisi durante la prima penetrazione provo sempre dolore se la la vagina non è molto lubrificata.
Una rimozione del frenulo potrebbe migliorare la situazione?
Spero di essere sato il più chiaro possibile resto in attesa di una vostra gentilissima risposta!
Vi ringrazio moltissimo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente, "a naso",ritengo che una frenulectomia possa giovare al Suo caso.Va da sè che conviene seguire il suggerimento di uno specialista che ha avuto il privilegio di averLa visitata.Ho il sospetto,però,che un inquadramento psico-sessuologico possa giovare al quadro generale.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
condivido le considerazioni sagge fatte dal collega Izzo. Detto ciò, come spesso ripeto da questo sito, vista la sua "giovane" età, approfitti di questo "disturbo-malessere" , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente ,alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com