Utente 210XXX
Salve,
premetto di non aver mai avuto problemi di insufficienza venosa, che io sappia (!!) (anche se in famiglia c'è mia madre che ne soffre ormai da svariati anni. Ha un'ulcera perforante ad una gamba ed indossa perennemente le calze elastiche).
Oggi sono stata colta da un improvviso dolore misto a senso d'intorpidimento e formicolio all'arto inferiore destro. Il dolore non è stato forte ma mi ha fatto preoccupare. Ho avuto come la sensazione che la mia gamba fosse stata stretta tutt'intorno da una cintura e poi rilasciata!
La sensazione si è irradiata dal retro del ginocchio fino a raggiungere la pianta del piede che tutt'ora mi formicola. Ho avvertito l'intera gamba come pesante ed intorpidita. Ancora ora la sento strana. Apparentemente non si presenta rossa, gonfia o particolarmente calda rispetto all'altra.
E' da giorni che avverto entrambe le gambe come pesanti, mi sento stanca, spossata ed ho spesso male alle tempie... ma ho collegato il fatto al cambio di stagione, alla carenza di ferro (a cui sono spesso soggetta), al ciclo mestruale in corso ed alla vita sedentaria che conduco. Pensate che questo episodio sopra descritto possa essere collegato a problemi di insufficienza venosa o alla possibile presenza di un trombo? Devo eseguire un doppler?
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
i sintomi riferiti restano purtroppo poco dirimenti a distanza in assenza della possibilità di confrontarli con i rilievi obiettivi derivanti dalla visita diretta.
Mi sentirei in ogni caso di escludere la possibilità di una trombosi venosa, mentre manifestazioni di insufficienza venosa non sarebbero in linea di principio escludibili.
Sarebbe cosa saggia sottoporsi in ogni caso ad una valutazione specialistica, vista la familiarità che riferisce e la possibilità di mettere in atto in questa fase, vista la giovane età, le misure preventive più efficaci per evitare o limitare la possibile evoluzione delle manifestazioni cliniche.
A questi link potrà trovare articoli che potrebbero essere di suo sicuro interesse:

http://www.medicitalia.it/luciopiscitelli/minforma
[#2] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per avermi risposto. A breve eseguirò una visita angiologica.