Utente 679XXX
Salve Dottore , più che una diagnosi vorrei un suo parere su ciò che Le racconto, non riguarda me direttamente ma mia zia di 75 anni. Tutto ha inizio quando lei manifesta dei forti dolori alla schiena non localizzati che la costringono a letto. Il medico curante consiglia il ricovero in ospedale per bronchite acuta. Cio che è stato fatto nel nosocomio, le cure e i farmaci a cui è stata sottoposta non sono in grado di scriverlo perchè non ho a disposizione la cartella clinica. Credo che sia stata curata la bronchite acuta diagnosticata dal medico curante. Dopo una settimana la paziente viene dimessa anche sotto le insistenze di quest'ultima. Il ritorno a casa sembra risolutivo ma nei giorni successivi mia zia lamenta forti stati dolorosi diffusi continua defecazione e situazione via via più grave . Per trovare sollievo dovevo dargli dei cubetti di ghiaccio che faceva sciogliere in bocca. Era come se avesse l'apparato digerente ustionato e il ghiaccio leniva le piaghe tra l'altro visibili nella bocca. Dopo 15 giorni in questo stato durante i quali medici si sono alternati con vaghe diagnosi mia zia viene ricoverata con un grave blocco renale e fibrillazione cardiaca. In ospedale ( di un'altra città) gli viene curata questa grave insufficienza renale con il rientro dei valori di creatinina ma dicono i medici che i muscoli sono stati distrutti come conseguenza dell'insufficienza renale. Aggiungo che dalla radiografia addome ed eco addome non risulta la presenza di evntuali masse tumorali.
Le vorrei chiedere un consiglio e qualche indicazione per vederci chiaro. La ringrazio e mi scusi.
spero tanto che mi risponda , Cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Massimo Gai
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
Dai dati che lei ci fornisce pare trattarsi di un episodio di insufficienza renale acuta, che è rientrata con le cure avute in ospedale. Naturalmente l'ospedalizzazione in una parsona di 75 anni può aver portato ad un esaurimento delle forze muscolari e conseguente astenia (stanchezza) che andrà migliorando con le cure a domicilio. Consiglio comunque di recuperare la cartella clinica e portare la zia ad una visita Nefrologica di controllo.

Saluti
[#2] dopo  
Dr. Mario Salomone
20% attività
0% attualità
0% socialità
CHIERI (TO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
Concordo con il Dr. Gai per quanto riguarda la diagnosi di Insufficienza renale acuta (IRA) ....
la riduzione delle masse muscolari è da legare alla situazione clinica complessiva più che al quadro di IRA di per se
quel che non si capisce è se il quadro addominale con diarrea profusa si è risolto ... è stata eseguita la ricerca dell'antigene del clostridium difficilis ?? in effetti il quadro si è presentatao dopo una antibiotico terapia per il quadro bronchitico ... ed il sospetto è da prendere in considerazione...
anche per quanto riguarda le cure attuali si rivolga al suo medico curante che saprà consigliarLa... in ogni caso raccomandi una alimentazione con molte calorie, libera come apporto di proteine (visto il quadro di malnitrizione) ed un introito idrico elevato

Saluti
Mario Salomone
[#3] dopo  
Utente 679XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio i Dottori per la risposta veloce ed asauriente che conferma il mio dubbio. Dai commenti da Voi esposti si evince che una paziente con il quadro clinico di mia zia non dovrebbe rischiare la vita . purtroppo lei ora versa in una situazione gravissima; è possibile mi chiedo che qualcuno possa aver sbagliato ?
distinti saluti