Utente 241XXX

Cortese Dottore, sono in cura con dopo un intervento per tumore al seno un anno fa (ho 38 anni).
Il valore FE da settembre ad oggi, aprile 2013, é sceso dal 69 al 65 fino al 58% (controlli ogni tre mesi circa). Il prossimo controllo sarà tra 2 mesi e mezzo, ma avrò altre 3 infusioni di terapia e temo il valore della frazione di eiezione possa scendere troppo. Lei cosa mi consiglia? Un monitoraggio prima di Luglio? Il cardiologo (che non mi conosce e mi é parso un po' frettoloso quel giorno, facendomi un'ecocardio in circa 60 secondi), dice che non ci sono grossi problemi..
La ringrazio molto e La saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il trastuzumab che lei assume per il problema neoplastico può essere cardiotossico e quindi provocare danni al cuore, compresa l'insufficienza cardiaca. Particolare attenzione và quindi posta sopratutto alle pazienti che già presentano problemi cardiaci di base e comunque durante il trattamento il cuore di tutte le pazienti deve essere monitorato. Nel suo caso la progressiva riduzione della funzione contrattile potrebbe dipendere dal farmaco e di questo deve informare i colleghi che la stanno trattando.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la cortese risposta.
Un ultimo quesito. La frazione di eiezione recupera i suoi valori originali alla sospensione del trattamento o é un processo non reversibile?
Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non ho esperienza diretta, ma ritengo che essendo un effetto legato al farmaco l'alterazione sia reversibile....
Saluti
[#4] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio molto per la sua sollecitudine nella risposta e Le auguro buon lavoro.