Utente 862XXX
Gent.li dottori vi scrivo poichè vorrei un consulto per mio padre di anni 62 che dagli ultimi controlli effettuati (prova da sforzo ed ecocardiogramma), in particolare ,da quest'ultimo esame è risultato una iniziale dilatazione atriale sinistra( AS=42mm).

Il suo cardiologo non gli ha dato importanza. Aggiungo che mio padre è cardiopatico dal 2002 quando fu operato per la prima volta per una stenosi prolungata e gli furono applicati due Stents , poi nel 2003 a distanza di circa cinque mesi uno dei due si ostrui e fu rioperato con palloncino. Da allora è sotto cura e controlli semestrali
ed annuali. Cosa ne pensate? c'è da preoccuparsi, fare ulteriori esami?

Ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
non si preoccupi non e' niente di grave. Deve fare dei controlli periodici con l'ecografia e delle visite cardiologiche semestrali per tenere sotto controllo spoprattutto la malattia delle coronarie.

cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Roberto Santoro
24% attività
0% attualità
0% socialità
SESSA AURUNCA (CE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
E' molto probabile che la modica dilatazione atriale sn faccia parte di un quadro iniziale che spesso si riscontra nelle persone affette da ipertensione arteriosa (che comprende anche ma non necessariamente in contemporanea ipertrofia ventricolare sn e alterato rilasciamento del V sn. Cmq non si tratta di una cosa di cui preoccuparsi eccessivamente ma deve continuare con i soliti controlli cardiologici semestrali anche per la patologia di cardiopatia ischemica di cui è affetto
Roberto Santoro