Utente 305XXX
Buongiorno... da un paio di giorni a mio padre (72 anni da compiere a settembre) è stata diagnosticata tramite Angiotac l'occlusione totale della carotide sinistra. Tenete conto che da 2 anni sta combattendo con un tumore alle tonsille, sconfitto in un primo tempo con radio e chemioterapie, ripresentatosi lo scorso luglio 2012, operato nel migliore dei modi, ma dall'operazione con gravi difficoltà di nutrimento (attualmente a distanza di 10 mesi si nutre con sacche nutritive parentelari e cibi omogeneizzati). Da un paio di mesi si è anche presentata una paresi lieve al volto, parte sinistra ovviamente. La mia domanda è: visto l'impossibilità di applicare uno stent alla carotide sx in quanto totalmente chiusa, e viste le condizioni generali comunque molto critiche, cosa suggerireste per far sì che il sangue possa circolare in modo più fluido attenuando così i rischi di possibili complicazioni?
Tenete anche presente che dall'ultimo controllo a febbraio 2013 la situazione tumorale sembrava risolta. Ora mi chiedo anche se questa occlusione alla carotide sia una conseguenza della massa tumorale che è avanzata sulla carotide o un possibile effetto delle radioterapie fatte a dicembre che hanno causato una situazione di generale atrofia della parte interessata?
Grazie e buona giornata
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
tutte le ipotesi da Lei formulate potrebbero essere egualmente attendibili, Consideri d'altra parte che la stessa malattia neoplastica, a prescindere dalla sede, può comportare alterazioni della dinamica emocoagulativa e favorire fenomeni trombotici.
La carotide occlusa non va trattata, mentre è opportuno concentrare l'attenzione sugli altri tronchi cerebroafferenti (carotide controlaterale e vertebrali) per valutarne la pervietà e prevenire per quanto possibile eventuali fenomeni di stenosi.
Una valutazione dal vivo è indispensabile per valutare la opportunità di terapie mediche a tale scopo rivolte (antiaggreganti, ecc.)
[#2] dopo  
Utente 305XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la cortese risposta.
Buona giornata