Utente 185XXX
Salve
mia moglie è stata ricoverata per un infezione al polpaccio destro provocata da un'escoriazione(la diagnosi dl pronto soccorso è: cellulite gamba destra), dopo tre giorni di antibiotici oggi è stata dimessa solo che la visita cardiologica ci ha preoccupato perché l'ECG non è nella norma.
Vorrei sapere se può esistere un nesso con gli antibiotici e il tracciato anomalo(ipotesi che ci hanno detto) dell'ecg visto che negli anni precedenti (l'ultimo ECG risale a maggio 2012) era sempre tutto normale.
Per l'infezione ha assunto levofloxacina 500 infusione endovenosa e metiprendisolone sempre per endovena mentre la consulenza dal cardiologo dice: ECG di difficile interpretazione possibile QT lungo, inoltre ha il valore della proteina c reattiva a196.
Le hanno prescritto un holter 24 ma solo fra un mese però quello che più mi ha spaventato è stata la domanda se vi erano state morti improvvise in famiglia(nessuna).
Mia moglie è cubana e la distanza dalla famiglia accentua l'ansia, soffre di una leggera ipertensione e nel passato ha praticato molto sport a livello agonistico.
Posso stare sereno e aspettare con tranquillità il consulto con lo specialista fra un mese, che fare?
grazie
cordiali saluti
L.
[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La levofloxacina può incrementare l'intervallo QT e per questo se ne richiede una adeguata valutazione prima della somministtrazione in soggetti che già presentano di base un QT lungo o assumono altri farmaci che possono prolungarlo. Nel caso di sua moglie è possibile quindi che tutto si legato alla molecola, visto che riporta che in passato non è mai stato riscontrato un prolungamento dell'intervallo QT. Comunque faccia l'Holter ECG come le è stato consigliato, in assenza di interferenze farmacologiche per verificare se il QT torna normale.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
grazie per l'eloquente risposta aspetteremo il risultato dell'holter sperando che tutto dipenda dalla terapia farmacologica.
cordiali saluti
buon lavoro
L.