Utente 200XXX
Salve,
sono un 25 enne affetto da e.p. e gradirei cortesemente alcuni chiarimenti da parte vostra. Sin dalla comparsa del problema, mi son subito rivolto ad un andrologo che mi ha diagnosticato una eiaculazione precoce secondaria di "grado moderato" (<1 minuto) e suggerito di fare tutta una serie di esami, che a dire sia suo che del medico di famiglia, eran tutti nella norma (emocromo, profilo lipidico, esami di funzionalità epato renale, glicemia, spermiocoltura con antibiogramma, urine e urinocoltura). A seguito di queste indagini, discutendo delle strategie terapeutiche possibili, l'indicazione dell'andrologo è stata di intraprendere una cura con Sereupin(Paroxetina) nella dose di 1 cpr da 20 mg/die.
Devo ammettere che questa terapia si è rivelata per me un toccasana e ancor con più stupore, nel mio caso, "apparentemente" priva di effetti collaterali in fase iniziale. Dopo un annetto e mezzo di cura, affiancata a tanto sport e ad una dieta bilanciata (stabilita con un nutrizionista) tutto di colpo, nel giro di due mesi ho avuto però un aumento di peso drastico (quasi 10 kg), piccoli problemi di insonnia, che hanno indotto il medico curante a sospendere gradualemnte la terapia con sereupin per dar momentaneamente spazio ad esami di altro tipo.
In questo lasso di tempo, mi è stato prescritto Priligy 60 mg, ma questo si è rivelato del tutto inefficace, pur essendo stato accorto alle specifiche in merito all'assunzione.
Vengo al dunque chiedendovi come mai pur essendo il Priligy un SSRI, si riveli del tutto inefficace e non sia in grado di apportare nemmeno il minimo beneficio (al contrario invece degli ottimi risultati raggiunti con la paroxetina)?
Ricordo inoltre che l'andrologo mi parlò in passato di una soluzione poi non adottata,circa l'utilizzo off label della paroxetina, da prendere quasi on demand un pò come il priligy (se non erro 3 compresse 8 ore prima del rapporto). Fermo restando che al momento la terapia con paroxetina sia sospesa, per il futuro vi chiedo, potrebbe rappresentare un'ipotetica strategia terapeutica valida (son ben conscio degli effetti collaterali)?
Ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non credo che abbia compreso bene le modalita' dell'assunzione della paroxetina off label...Personalmente diffido di questa straegia ed approfondirei gli aspetti diagnostici affidandomi ad un esperto andologo.Cordialita '.