Utente 305XXX
Buona sera, sono un "ragazzo" di 30 anni, circa 3 anni e mezzo fa sono stato operato di varicocele al testicolo sx. Gli spermiogrammi fatti successivamente non erano entusiasmanti, in quanto le forme normali erano intorno al 15 % e il numero si è sempre aggirato intorno ai 50000-60000 per microlitro.
Da sei mesi però le cose sono un po cambiate. Premetto che mia moglie ha fatto un tampone a causa di continue cistiti e vaginiti ed è uscito fuori che era presente E. Coli.
A ottobre 2012 ho fatto uno spermiogramma di controllo perché da due anni io e mia moglie stiamo cercando di avere figli senza successo; è uscito fuori che il ph era a 8.5, erano presenti Hb, un'abbondante presenza di emazie e una discreta flora batterica.
A questo punto sono andato dal medico di base che mi ha fatto fare una cura antibiotica con levoxacin 500 per una settimana e dopo un mese sono riandato a fare lo spermiogramma (sta volta con una spermiocoltura). A quel punto c'era una fluidificazione parziale, pH 8.5 e viscosità con filanza di 8cm, ma non c'erano più emazie, hp e flora batterica, inoltre la spermiocoltura non diede alcun risultato e il medico di base mi disse di pazientare e tutto sarebbe tornato normale.
Un mese e mezzo fa circa però, mi sono iniziati dei dolori ai testicoli, una volta al dx, una al sinistro, in modo un pò strano, così sono andato da un urologo, il quale dopo una visita mi ha detto che non c'era niente e che secondo lui il problema era da imputare a problemi di schiena e mi ha detto di fare una risonanza magnetica.

Io non molto convinto allora ho preso un appuntamento con un andrologo, il quale dopo una visita piuttosto accurata ai testicoli e la prostata ha appurato che il dolore veniva dalla testa dell'epididimo, così mi ha prescritto per 14 giorni 1 di ciproxin 1000 la mattina e delle supposte (di cui non ricordo il nome) la sera. Alla fine di questo ciclo dovevo aspettare una settimana e fare di nuovo lo spermiogramma con spermiocultura e i risultati sono i seguenti:

Volume: 2ml
Colore: bianco giallastro
Aspetto: torbido
coagulo: presente
FLUIDIFICAZIONE: PARZIALE
VISCOSITA': 8CM
PH 8.5
HB TRACCE
Laucociti: alcuni
EMAZIE: RARE
FLORA BATTERICA: SCARSA
cellule epiteliali: alcuni
numero nemaspermi: 50000
a) grado di motilità rapida progressiva 35%
b) motilità lentamente progressiva 15%
c) motilità non progressiva 17%
d) immobilità 33%
A+B: 50%
Forme normale 14%

Gli esami culturali invece hanno dato esito negativo per:
Germi patogeni, S.agalactiae, mycoplasma hominis, ureaplasma urealyticum, gardnerella vaginalis, miceti, gonococco, trichomonas vaginalis, Clamydia su tampone cervicale.... in poche parole era tutto negativo!!!!

Successivamente ho fatto un ecocolor dopler ai testicoli e un controllo alla vescica, ma non è uscito niente, tutto nella norma.
A questo punto cosa può essere, non credo possa essere un tumore,altrimenti dalla visita di un andrologo, di un urologo e dall'ecografia sarebbe uscito fuori, ma cosa fare allora?!?!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,ridimensionato il quadro flogistico culminato,con l'emospermia,curato con terapie antibiotiche prolungate,ritornerei sulla coppia e mi sottoporrei a terapie antiossidanti e fluidificanti il liquido seminale,com particolare tutela per la prostata che,come credo sappia,produce una buona parte del liquido seminale,che veicola gli spermatozoi prodotti dai testicoli.
Escluderei l'evenienza di un tumore testicolare e,comunque,seguirei i consigli dello specialista reale di riferimento.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 305XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la risposta, conosco abbastanza bene il ruolo della ghiandola prostatica avendo studiato biologia all'università. Quando parla di "terapie antiossidanti e fluidificanti del liquido seminale" di cosa parla?!? In ogni caso il mio andrologo per la prostata mi ha prescritto il Permixon, che credo sia concorde con quello che diceva lei riguardo l'assicurare "particolare tutela per la prostata". Inotre mi ha prescritto un tampone uretrale che venerdì andrò a fare. Appena avrò le risposte sarà mia premura farle sapere qualcosa.
Grazie ancora buon giorno
[#3] dopo  
Utente 305XXX

Iscritto dal 2013
Buon sera dottori, volevo aggiornarvi sulla situazione.
Ho effettuato sia il tampone uretrale alla ricerca di vari batteri che la risonanza magnetica lombosacrale e tutto risulta in ordine.
Il problema è che i miei dolori stanno aumentando, inizio ad avere difficoltà nella deambulazione e sinceramente inizio a demoralizzarmi, dato che questa situazione sono 2 mesi che va avanti e invece di migliorare peggiora. Cosa posso fare ancora per capire dove sta il problema?!?!? E' il caso di cominciare a fare analisi per i marker tumorali?
Mi auguro che qualcuno risponda. Buona sera a tutti