Utente 306XXX
Buonasera, mio padre di 82 anni è stato ricoverato per il posizionamento di uno stent medicato alla coronaria, da una rx torace risultava irregolarità del corno ilare superiore dx con apparenti strie di trazione sul parenchima adiacente, è stata eseguita tac con mdc: a destra a livello del segmento anteriore del lobo superiore evidenza di due focali aree ravvicinate di consolidazione parenchimale a margini finemente spiculati (19 e 16 mm nei diametri massimi) e densitostruttura solida dotata di enhncement contrastografico, ispessimento scissurale perilesionale, tumefazione linfonodale di 12 mm nel diametro massimo indovata nel tessuto adiposo del mediastino superoanteriore. Ha eseguito TC cranio più addome che non ha mostrato lesioni secondarie a distanza. Come possiamo proseguire considerando che lo stent medicato è stato inserito il 6/05/2013 e che per un anno deve continuare la terapia di ASA e clopidogrel per non far chiudere lo stent, e che soffre di insufficienza renale cronica III stadio? Il radiologo sconsiglia sia la biopsia che la termoablazione in quanto le lesioni o noduli si trovano in prossimità di strutture bronco-vascolari di medio calibro. Grazie infinite.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Turello
24% attività
4% attualità
16% socialità
NOVARA (NO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Difficile rispondere senza visionare le immagini. Ammesso e non concesso che si tratti effettivamente di neoplasia polmonare, potrebbe essere utile una valutazione collegiale (Oncologo-Radioterapista-Chirurgo Toracico) per valutare la situazione, sapendo però che in considerazione dell'età e delle patologie associate è possibile - se non probabile - che non vi sia spazio per una terapia ad intento curativo. A cagliari è attivo un servizio di chirurgia toracica: si consulti con il suo Curante circa l'opportunità di prenotare una visita.