Utente 624XXX
Salve dottori,
Ho 32 anni, circa 20 mesi fa ho avuto un trauma al testicolo sx. Dopo il trauma il testicolo si disposte un pò più in alto, sia a riposo che a pene eretto. Fatte le cure iniziali non fi piu data nulla.
Ho cominciata ad usare antinfiammatori dopo un anno che non passava il dolore. Oggi sono ad un buon punto, ma non pare chi sia finita del tutto. Ho ancora di tanto in tanto piccoli dolorini.
Il testicolo sx ora però è sceso un pò più giù di prima, e non è più verticale, appeso, ma appaggiata su un lato, quasi orizzontale.

Sono stato ancora dall'andrologo. Anzi da tre. L'ultimo un prof. Univeritario. Dicono tutti che non ho niente. Quasi non mi credono, ma io ho ancora qualche leggerissimo postumo, quindi vorrei chiudere definitivamente la questione.
Faccio giusto due domande:

1) Il dolore mi resterà finche campo??? Posso fare ancora qualcosa???
2) Il testicolo sx che ora si è disposto più giù, può dare qualche problema futuro??? (fertilità dolenza ecc.....)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gli esiti dei traumi testicolari sono spesso lunghi. Spesso subentra una sorta di memoria del dolore che si estrinseca con una sensazione di dolenzia non sempre presente. La posizione del testicolo è relativa a meno che non sia ritenuto nel canale inguinale. Per la fertilità i parametri si valutano con specifici esami. I traumi testicolari non ben guariti (e pare non sia il suo caso) possono predisporre a malattie tumorali per cui è comunque opportuno fare un'ecografia testicolare all'anno ed una visita urologica/andrologica.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,
dopo un "trauma" testicolare è opportuno fare una o più visite specialistiche, controlli ecografici e seminali per vedere che non si siano procurate alterazioni dei testicoli e della loro funzione.
Piccoli "fastidi" e alterate "posizioni" non sono quasi mai espressione di patologia
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 624XXX

Iscritto dal 2008
Gentili dottori buonasera e grazie per il sollecito intervento.

Dott. Masala, veramente io pensavo che il mio fosse un trauma mal curato, visto questo enerme lasso temporale. Sinceramente mi sono affidato anima e (soprattutto) corpo ad un Suo collega, assai rassicurante, che per altre 12 mesi non mi ha prescritto niente.
Il testicolo non è ritenuto nel canale inguinale. Però il fatto di sentirlo più giù è in posizione obliqua è fastidioso. Il lieve dolore, purtroppo non è immaginario. Si fidi di uno estremamente razionale.

Mi preoccupa fortemente il fatto, da Lei accennato accennato, che i traumi testicolari non ben guariti possono predisporre a malattie tumorali.

1) Quali avvisaglie possono esserci per questo specifico problema???

Dott. Pozza, come da Lei e dal Dott. Masala indicato, cercherò di fare i controlli annualmente. Però dire che piccoli "fastidi" e alterate "posizioni" non sono quasi mai espressione di patologia, mi pesa accettarlo, poichè prima non avevo mai avuto problemi.

Oltre questo commento volevo porre due quesiti che avevo dimenticato.

2) negli ultimi mesi, 3/4 volte mi è capitato di sentire dolore ai testicolo durante i movimenti del rapporto.
******Cosa può essere e cosa dovrei fare????????
3) Posso fare sport a questo punto del post-trauma????????
(Corsa, flessioni, addominali, ecc....)

Vi prego di risponde a queste 3 domande, poi lascerò spazio ad altri utenti.

Ancora un sentito grazie. Appresto.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

ad un paziente che mi ponesse queste domande (dopo averlo visitato accuratamente !) risponderei di non pensare alla possibile trasformazione tumorale, di accettare piccoli fastidi in certe situazioni perchè potrebbero essere legati anche ad altri fattori, e di continuare a praticare tutta la attività sportiva che gradisce
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 624XXX

Iscritto dal 2008
Mi scusi per le tante domande. Ma la sua esperienza le avrà certamente insegnato che chi si trova in queste situazioni, risulta essere + o - preoccupato.
La ringrazio dei consigli, lunedì comincerò con lo sport.
In merito ai piccoli fastidi però mi permetta di dissentire. Non avendo mai avuto alcun problema, mi risulta difficile accettarli ora, e credo che siano legati solo ed esclusivamente al post-trauma. Poi se pensa che si tratta di fastidi che si manifestano nel salire e scendere dal'auto, scende le scale correndo, nell'abbassarsi, e in altri movimenti veloci, può capire che ciò destano quanto meno un pò di ansia e stress visto la quotidianità dei gesti.

Infine credo di aver colto (o quantomeno capito) il messaggio velato nelle Sue righe.

Saluto cordialmente.