Utente 306XXX
Buonasera gentili dottori,
Ho una domanda per me molto importante da porvi.
Mia madre sessantaduenne tempo fa ha avuto un infarto ma non avendo avuto sintomi non se n'è praticamente accorta. In una visita dal suo medico di famiglia è risultato che a causa di questo infarto non curato il suo ventricolo sinistro presenta un aneurisma di 9,7 cm. Presto dovrà sottoporsi ad un intervento di aneurismectomia e quindi plastica ventricolare, ora la mia domanda riguarda proprio questo intervento in quanto il chirurgo al quale ci siamo rivolti ha parlato di riduzione del cuore.
E' vero che le resterà un solo terzo del cuore? O si tratta solo di 1/3 del ventricolo sinistro? Purtroppo a causa della tensione del momento non sono riuscita a domandarlo al chirurgo.
Questo intervento, inoltre, sarà "risolutivo"? O meglio: allungherà l'aspettativa di vita di mia madre?

Vi ringrazio in anticipo per le eventuali risposte.
Sono a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti sulla situazione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Viene eliminata solamente la porzione di ventricolo sinistro aneurismatica, riducendo in modo significativo le dimensioni globali del cuore. In questo modo si avra' un miglioramento significatico della funzione ventricolare e conseguentemente dell'aspettativa di vita.

In bocca al lupo

GI
[#2] dopo  
Utente 306XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la risposta!
Mi sento un pò più sollevata...Grazie davvero e crepi il lupo!