Utente 307XXX
Ho circa 50 anni e sono sposato da molti anni. L'estate scorso ho avuto un unico rapporto extraconiugale non protetto con una mia amica. Oggi quest'ultima ha scoperto di avere un inizio di carcinoma all'utero che le e' stato bruciato, il che dovrebbe implicare - da quanto ne capisco - che e' stata contagiata dall'HPV. Le mie domande sono:
1) da quanto leggo, e' estremamente probabile che io abbia contratto l'HPV da lei. E' cosi' ?
2) ha senso che io faccia un tampone uretrale o qualche altra esame ?
3) viste le ovvie conseguenze che la cosa avrebbe, e' necessario che io ne parli con mia moglie, visto anche che lei - comunque e indipendentemente da tutto questo - fa con una certa regolarita' il pap-test ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non precipiti il quadro clinico e si rivolga ad uno specialista reale che con un esame obiettivo ed un tampone uretrale puo' chiarire i suoi dubbi.Spesso il partner maschile e' indenne dal contagio...Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
Grazie della risposta.
In effetti in questi giorni mi sono gia' rivolto a un centro per fare l'HPV screening (ed eventualmente la tipizzazione) su un campione di urine. L'efficacia dell'esame sulle urine e' paragonabile al tampone uretrale ?