Utente 252XXX
Salve vorrei un chiarimento riguardo un taglio che mi sono fatta domenica. Mentre tagliavo un contenitore mi è sfuggito il coltello e mi sono tagliata l'indice della mano sinistra proprio nella giuntura superiore tra falange e falangetta. Ho sentito i denti del coltello proprio nella carne interna, è sceso molto sangue in quanto la ferita era profonda, ho messo subito il dito sotto l'acqua corrente per lavare e immediatamente disinfettato con acqua ossigenata e ho applicato anche cicatridina spray. Dicevo la ferita è larga 1 cm e un pochino profonda perché la lama è entrata trasversalmente ma per la sua posizione non mi sono neanche al pronto soccorso dato che era impossibile mettere qualche punto di satura, ho disinfettato e messo una stecca in modo da tener fermo e consentire la cicatrizzazione. Sin dall'inizio nell'angolino a destra ho notato un puntino nero interno e mio padre mi disse che era il sangue pestato, Siccome ho fatto le medicazioni da sola, oggi mio padre ha notato il dito scoperto ( l'ho lasciato dopo averlo medicato, per farlo asciugare un po' anche se quando cambio garza è macchiata di sangue) e mi ha detto che sembra nero; mi ha fatto preoccupare, è possibile che ci sia qualche infezione in atto? Domenica in farmacia mi hanno detto che la cicatridina è anche un antibiotico spray e come una scema, domenica sera quando mi sono recata alla guardia medica per farmi gentilmente darmi un abbassalingua da usare come stecca, quando il dottore di guardia mi ha detto se volevo che me lo medicava e mobilizzava lui gli ho detto che non ne valeva la pena che l'avrei fatto io a casa, ma una volta andata via mi sono resa conto che forse era meglio così valutava lui la situazione, se dovevo prendere antibiotico o altro anche se, il coltello era da cucina non arrugginito e pulito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Da come descrive mi sembra che ci sia una normale evoluzione nel processo di guarigione e il dito nero potrebbe essere il sangue coagulato. Ovviamente in caso di dolore anomalo è utile un controllo medico.

Cordialmente
[#2] dopo  


dal 2013
Dottore sempre lei risponde ihihihihih a saperlo non aprivo un altro post :) comunque grazie effettivamente anche io ho pensato ciò che lei mi sta dicendo, no non ho dolori e a dir la verità è già cicatrizzato ovvero quando tolgo il cerotto per medicarlo sembra già chiusa ma se piego il dito tira e esce un po' di sangue ma è normale, devo tenerlo immobile per qualche altro giorno, non lo stecco più ma metto molto cerotto così mi impedisce di chiuderlo.


Adesso dato che lei risponde in tutti i campi le pongo una domanda, il mese scorso ho fatto la visita otorinolaringoiatra con laringoscopia e da li mi hanno diagnosticato come già in precedenza, setto nasale deviato, turbinati infiammati e tutto il tratto respiratorio superiore infiammato per allergia e di sicuro il reflusso gastroesofageo non aiuta. Mi disse che lui mirerebbe all'intervento per raddrizzare il setto ma che comunque non lo consiglia perché non risolverebbe il mio problema cioè l'allergia persisterebbe ugualmente così, mi diede una cura da fare per 15 gg di Avamys 2 puff 2 volte al gg e Nasir lavaggi nasali 3 volte al gg. Sto facendo la cura ma apposta del Nasir in farmacia mi hanno dato Libenar, dicendo che è la stessa cosa ma, la cosa che non so se sia normale è che dopo qualche minuto che faccio i puff di Avamys ho una strana sensazione nella parte dietro le narici, come se ci fosse un tappo che si staccasse e devo inghiottire diverse volte per farlo scendere verso giù e torna tutto alla normalità. Cosa può essere?
[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
E' una richiesta di competenza ORL.

Cordiali saluti