Utente 462XXX
So che e' un argomento gia' affrontato, vorrei pero' avere un consiglio personalizzato sperando che possa essere utile ad altri. A settembre 2007 sono andato dalla mia dermatologa perche' avevo riscontrato delle piccole escrescenze sul glande formatisi all'improvviso. La diagnosi fu quella di condilomi. La dottoressa me li brucio' seduta stante con l'apposito strumento. L'alternativa era uso di Aldara, ma visto che erano 3 e molto piccoli preferii la bruciatura sperando di risolvere il problema. Per 2 mesi non ebbi piu' problemi , ma poi mi tornarono sempre molto piccoli e pochi, dopo un'altra bruciatura e 1 mese di pausa ecco che ne spuntarono altri due, nelle zone limitrofe a dove erano gli altri. Nel frattempo, zero rapporti sessuali, quindi si tratta di recidive. La dermatologa mi ha detto che sono comuni e che bisogna intervenire sulle manifestazioni cliniche con la bruciatura, che per fortuna non lascia segni dato che sono davvero piccolissimi (1 mm max). Ovviamente sono in uno stato di angoscia continuo e tutti i giorni con la pulizia quotidiana passo 10 minuti con la lente di ingrandimento per vedere se ci sono altri condilomi in arrivo. Adesso sono 2 settimane che sono pulito e mi chiedo se c'e' qualcosa che posso fare in piu' per evitare recidive. La dermatologa mi ha detto che l'uso di aldara per prevenire recidive mi darebbe problemi a livello cutaneo perche' fortemente irritante e si e' limitata a prescrivermi un certo Bio-Immunas che credo serva a potenziare il sistema immunitario. Premetto che ho fatto tutti gli esami per le altre MTS (sifilide,gonorrea,HIV etc tutti negativi). Qualche consiglio per evitare recidive?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, segua con fiducia i dettami della Dermatologa che la sta curando.Tutte le cure possono portare alla ricomparsa delle manifestazioni cutanee da HPV.Talvolta l'uso di Imiquimod a scopo preventivo se non addirittura curativo(senza ricorrere alla bruciatura)può risultare utile,il tutto sempre sotto l'attenta visione del Dermatologo.
Cari Saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Nessun miglior consiglio ch equello di seguire i dettami del suo Venereologo: consideri assieme allo stesso la possibilità di ricoorere dopo laserterapia a terapie topiche immunomodulanti, le quali in associazione sono in grado di limitare al massimo la percentuale di recidive.

cari saluti